martedì 21 febbraio | 22:20
pubblicato il 16/giu/2013 16:26

Emergenza sbarchi a Portopalo, 229 eritrei, anche 4 donne incinte

Erano in mare da 3 giorni, avrebbero pagato 1600 dollari

Emergenza sbarchi a Portopalo, 229 eritrei, anche 4 donne incinte

Portopalo di Capo Passero, (askanews) - Sbarchi senza sosta a Porto Palo di Capo Passero. Ducentoventinove immigrati eritrei sono stati soccorsi dalla Guardia Costiera. A bordo c'erano 44 donne, sei sono state ricoverate in ospedale, quattro erano in stato avanzato di gravidanza. Secondo il racconto del primo maresciallo Giuseppe Stella della Capitaneria di Portopalo due donne sono arrivate a riva stremate: una disidratata è stata sottoposta alle flebo, un'altra si è accasciata a terra. Nel natante partito tre giorni fa dalla Libia c'erano anche quattro bambini. I migranti per questa viaggio della speranza e della disperazione avrebbero pagato 1600 dollari ciascuno.Grazie alle favorevoli condizioni meteo marine sulle coste meridionali si sta verificando una nuova ondata di sbarchi, in poco più che 24 ore sono arrivati un migliaio di migranti clandestini.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia