martedì 28 febbraio | 18:15
pubblicato il 27/lug/2011 16:18

Emergenza rifiuti a Palermo: salta l'intesa tra Comune e Amia

L'azienda ha bisogno di 18 milioni di euro per il risanamento

Emergenza rifiuti a Palermo: salta l'intesa tra Comune e Amia

Nulla di fatto tra Comune di Palermo e l'Amia per risolvere l'emergenza rifiuti. Tra le parti non si è arrivati ad alcun accordo. I dipendenti dell'azienda che si occupa di raccogliere i rifiuti nel capoluogo siciliano, sono nuovamente in stato d'agitazione e si riuniscono in assemblea durante tutti e tre i turni di raccolta, causando l'accumulo di rifiuti per le strade della città.Per il risanamento aziendale, i commissari straordinari di Amia avevano chiesto a Palazzo delle Aquile 18 milioni di euro; una somma che il Comune non è disposto a concedere, il perchè lo spiega il consigliere comunale di Sel Nadia Spallitta. Il sindaco Diego Cammarata ha annunciato che nessun dipendente Amia è a rischio licenziamento, come ventilato invece nei giorni scorsi dai commissari straordinari, che avevano espresso preoccupazione per 400 lavoratori.

Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Campidoglio
Roma, chiesto il giudizio immediato per Marra e Scarpellini
Firenze
Spari a auto dell'imprenditore amico di Renzi, 2 arresti a Firenze
Gay
Riconosciuta a coppia gay paternità 2 nati con maternità surrogata
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech