domenica 22 gennaio | 09:28
pubblicato il 11/feb/2011 18:59

Emergenza rifiuti a Napoli, c'è anche chi perde il lavoro

Presidio permanente dei dipendenti Ecosaba in cassa integrazione

Emergenza rifiuti a Napoli, c'è anche chi perde il lavoro

Andrà avanti a oltranza, sotto il municipio di Napoli, il presidio degli ex dipendenti della società EcoSaba, subappaltatrice dell'Asìa, l'azienda che si occupa del trattamento dei rifiuti a Napoli. 24 lavoratori, in cassa integrazione dal giugno 2010, chiedono di poter tornare a lavoro e denunciano presunte manovre illecite. Questi lavoratori ritengono di essere stati vittime di un vero e proprio "raggiro". Nel marzo 2010, la ditta per la quale lavoravano è stata raggiunta da un provvedimento interdittivo antimafia e sostituita, nell'appalto per lo spazzamento meccanico delle strade, da un'altra azienda che però non ha assorbito gli operai della EcoSaba che ora reclamano il loro diritto al lavoro.

Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Papa
Papa:no a Chiesa insapore in società dove anche verità è truccata
Maltempo
Hotel Rigopiano, ospedale Pescara: 9 soccorsi in buone condizioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4