lunedì 27 febbraio | 01:14
pubblicato il 22/feb/2011 17:09

Emergenza Libia, ecco gli aerei italiani in stato di allerta

Alzato il livello, F-16 e Eurofighter pronti all'impiego

Emergenza Libia, ecco gli aerei italiani in stato di allerta

Sono questi i caccia F-16 ed Eurofighter italiani in allerta per la grave situazione in Libia. Nelle basi di polizia aerea dell'Aeronautica militare, al 37 stormo di Trapani-Birgi, al 36 di Gioia del Colle, nel Barese è stato alzato il livello di allerta dopo l'atterraggio sull'isola di Malta di due elicotteri e due aerei libici disertori, i cui piloti si sono rifiutati di sparare sulla folla dei rivoltosi. Gli uomini dell'Aeronautica italiana, in caso di allarme, sono pronti ad andare in volo entro pochi minuti, effettuando il cosiddetto "scramble" per intercettare eventuali aerei che dovessero sconfinare, senza autorizzazione nello spazio aereo nazionale. L'innalzamento dello stato d'allerta - ha spiegato il ministro della Difesa, Ignazio La Russa - è un atto dovuto in considerazione della gravità della situazione nel paese africano. "Non si tratta di nulla di più di quanto avviene per casi meno eclatanti", ha sottolineato da Abu Dhabi, dove è in visita ufficiale.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech