sabato 03 dicembre | 10:41
pubblicato il 26/feb/2013 13:50

Elezioni: 'grandissima preoccupazione' di Federanziani

(ASCA) - Roma, 26 feb - ''Grandissima preoccupazione'' della Federanziani, la Federazione delle associazioni della terza eta', ''per l'incombente rischio di non governabilita' e di impossibilita' a trovare una coalizione in grado di portare alla stabilita' il nostro Paese''.

I 3 milioni di aderenti a FederAnziani fanno appello in una nota alle forze politiche responsabili ''per mettere a punto quanto prima un programma minimale che possa essere condiviso a larga maggioranza e, qualora al termine di questo accordo minimale non sussistano le condizioni per una stabilita' politica, economica e finanziaria, con grande rispetto al senso di dovere per la patria, tornare a chiedere il voto ai cittadini. Siamo consapevoli del momento difficile e ci auguriamo che i leader dei partiti prendano coscienza di quanto espresso dal popolo attraverso il voto e si comportino di conseguenza''.

FederAnziani ''si rende immediatamente disponibile ad incontri con i partiti presenti in Parlamento al fine di poter esprimere e condividere soluzioni urgenti e doverose per la nazione''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari