domenica 11 dicembre | 12:54
pubblicato il 17/feb/2012 20:11

Editoria/ Dustin Hoffman in posa per salvare il Manifesto

Il quotidiano in crisi recluta volti noti per aumentare vendite

Editoria/ Dustin Hoffman in posa per salvare il Manifesto

New York, 17 feb. (askanews) - Dustin Hoffman scende in campo per salvare il Manifesto. L'attore americano, protagonista di capolavori come "Il laureato" e "Rain Man" è comparso sulla homepage del quotidiano cult della sinistra italiana, in liquidazione coatta amministrativa dall'8 febbraio. Il quotidiano rischia infatti di chiudere i battenti, piombato in una crisi profonda, dovuta anche ai tagli dei finanziamenti pubblici; per rimediare al crollo delle vendite, ha lanciato la campagna "Senza fine. Io manifesto", attraverso la quale invita i lettori a inviare la propria foto con in mano il giornale. L'attore americano, in giacca e cravatta, posa mentre sfoglia una copia del giornale e fa il segno della vittoria. Sopra le immagini campeggia il titolo a caratteri cubitali: "Dustin Hoffman per il Manifesto. Lui lo legge e voi?". Gli scatti dei lettori e dei testimonial noti verranno pubblicati sul sito. E se dall'Italia hanno aderito volti noti come l'attore Ascanio Celestini e il giornalista Michele Santoro, Hoffman è il primo divo americano a prestare il suo nome alla causa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina