lunedì 23 gennaio | 14:07
pubblicato il 19/ago/2013 14:19

Editoria: collaboratori Unita', Pd chiuda vergogna mancati pagamenti

Editoria: collaboratori Unita', Pd chiuda vergogna mancati pagamenti

(ASCA) - Roma, 19 ago - I lavoratori dell'Unita' dopo diversi infruttuosi tentativi si appellano al Pd perche' ristabilisca i loro piu' elementari diritti: attualmente, i collaboratori della testata fondata da Antonio Gramsci si vedono privati di sette mensilita' delle loro retribuzioni che l'azienda pare non aver alcuna intenzione di saldare. Si parla di cifre che, per ogni collaboratore, arrivano fino a 9.000 euro.

L'ultimo pagamento, si legge nella nota diffusa dal coordinamento dei collaboratori del giornale, e' avvenuto a maggio e riguardava il mese di novembre 2012. Da tre mesi, quindi, i collaboratori non ricevono nessun pagamento, nonostante quotidiane sollecitazioni all'azienda e all'ad Fabrizio Meli. In piu' le redazioni di Bologna e Firenze hanno chiuso le cronache, quindi diversi collaboratori si ritrovano senza lavoro e in piu' con un credito di migliaia di euro, mentre sembra sempre piu' lontano un rilancio della testata. ''Chiediamo con forza - scrivono - al segretario del Pd, Guglielmo Epifani, a tutti i parlamentari Pd e a tutti i dirigenti Pd di porre fine a questa vergogna. Non riteniamo possibile che il Pd stia a guardare mentre un'azienda di cui e' azionista affama i suoi lavoratori e nega loro il diritto basilare e imprescindibile della retribuzione del lavoro svolto''. ''Chiediamo che il partito si attivi immediatamente affinche' vengano saldati i debiti che la societa' Nie ha nei confronti dei collaboratori. Un partito che fa dei propri valori fondanti la difesa del lavoro non puo' permettere che proprio un'azienda di cui e' azionista calpesti in modo cosi' plateale i suoi lavoratori'', si legge nella nota. ''Se non avremmo delle risposte celeri e non ci sara' una pronta risoluzione della vicenda, nostro malgrado e con rammarico, saremo costretti a concludere che il Pd non ha interesse a difendere i diritti dei suoi stessi lavoratori, lavoratori che operano proprio in una delle realta' piu' vicine al partito che ha vincoli di azionariato e di vicinanza politica con la testata. Sarebbe un comportamento vergognoso che siamo sicuri il Pd non vorra' mettere in pratica'', conclude il coordinamento dei collaboratori dell'Unita'.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4