venerdì 02 dicembre | 21:42
pubblicato il 19/ago/2013 14:19

Editoria: collaboratori Unita', Pd chiuda vergogna mancati pagamenti

Editoria: collaboratori Unita', Pd chiuda vergogna mancati pagamenti

(ASCA) - Roma, 19 ago - I lavoratori dell'Unita' dopo diversi infruttuosi tentativi si appellano al Pd perche' ristabilisca i loro piu' elementari diritti: attualmente, i collaboratori della testata fondata da Antonio Gramsci si vedono privati di sette mensilita' delle loro retribuzioni che l'azienda pare non aver alcuna intenzione di saldare. Si parla di cifre che, per ogni collaboratore, arrivano fino a 9.000 euro.

L'ultimo pagamento, si legge nella nota diffusa dal coordinamento dei collaboratori del giornale, e' avvenuto a maggio e riguardava il mese di novembre 2012. Da tre mesi, quindi, i collaboratori non ricevono nessun pagamento, nonostante quotidiane sollecitazioni all'azienda e all'ad Fabrizio Meli. In piu' le redazioni di Bologna e Firenze hanno chiuso le cronache, quindi diversi collaboratori si ritrovano senza lavoro e in piu' con un credito di migliaia di euro, mentre sembra sempre piu' lontano un rilancio della testata. ''Chiediamo con forza - scrivono - al segretario del Pd, Guglielmo Epifani, a tutti i parlamentari Pd e a tutti i dirigenti Pd di porre fine a questa vergogna. Non riteniamo possibile che il Pd stia a guardare mentre un'azienda di cui e' azionista affama i suoi lavoratori e nega loro il diritto basilare e imprescindibile della retribuzione del lavoro svolto''. ''Chiediamo che il partito si attivi immediatamente affinche' vengano saldati i debiti che la societa' Nie ha nei confronti dei collaboratori. Un partito che fa dei propri valori fondanti la difesa del lavoro non puo' permettere che proprio un'azienda di cui e' azionista calpesti in modo cosi' plateale i suoi lavoratori'', si legge nella nota. ''Se non avremmo delle risposte celeri e non ci sara' una pronta risoluzione della vicenda, nostro malgrado e con rammarico, saremo costretti a concludere che il Pd non ha interesse a difendere i diritti dei suoi stessi lavoratori, lavoratori che operano proprio in una delle realta' piu' vicine al partito che ha vincoli di azionariato e di vicinanza politica con la testata. Sarebbe un comportamento vergognoso che siamo sicuri il Pd non vorra' mettere in pratica'', conclude il coordinamento dei collaboratori dell'Unita'.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari