lunedì 23 gennaio | 02:01
pubblicato il 30/lug/2013 17:15

Editoria: chiude il 'nuovo Paese sera', appello della redazione

Editoria: chiude il 'nuovo Paese sera', appello della redazione

(ASCA) - Roma, 39 lug - Domani scadono i contratti dell'intera redazione di 'nuovo Paese Sera' e la proprieta', che da mesi e' in trattativa per la cessione delle quote societarie, ''ha minacciato di impedire dal primo agosto l'accesso ai giornalisti nella sede di via Carlo Emery 47''.

E' quanto comunica stessa redazione del giornale in una nota, da cui si apprende, tra l'altro, che ''da quattro mesi i giornalisti non ricevono lo stipendio, cosi' come i collaboratori che in alcuni casi vantano crediti da piu' di un anno''. Nel corso di questo periodo, avvertono dalla redazione, ''l'azienda ha chiesto alla redazione continui sforzi per mantenere in vita il giornale proprio in vista della cessione delle quote e dell'ingresso di nuovo capitale''.

La redazione, si legge, ''non senza difficolta', ha sempre cercato di venire incontro alle richieste della proprieta', comprendendo il delicato momento dell'editoria. Lo ha fatto, spiegano i lavoratori, ''anche per un legame professionale e affettivo con 'Paese Sera' che ha visto i giornalisti coinvolti fin dalla fase di start up, nel 2011, per il rilancio della storica testata romana''. Tuttavia a pochi giorni dalla scadenza dei contratti, ''l'azienda ha deciso di far saltare in maniera unilaterale il tavolo di trattativa sindacale. Il pre-accordo tra i lavoratori e l'azienda, accettato a condizioni durissime dalla redazione, come nel caso delle ''deroghe dei minimi' salariali che permetteva il mantenimento dei posti di lavoro, e' stato ulteriormente modificato al ribasso''.

Si sta spegnendo cosi', dicono i giornalisti, ''la voce di Roma, che per oltre due anni, attraverso un quotidiano on line e un mensile cartaceo, ha provato a raccontare la vita sociale, culturale, economica e politica della Capitale, con i suoi protagonisti, associazioni, movimenti e cittadini. Un giornale che e' sempre stato al fianco dei lavoratori sostenendo le loro lotte e i cui lavoratori, oggi, vedono calpestati la loro professionalita', i loro diritti e la loro dignita'. Domani - concludono - i lavoratori di ''Paese Sera' metteranno in atto una protesta nella sede del giornale e invitano i lettori ad unirsi a loro''.

red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4