lunedì 27 febbraio | 15:36
pubblicato il 21/ago/2013 12:30

Ecommerce: Ebay, pubblicita' classica conta sempre meno

Ecommerce: Ebay, pubblicita' classica conta sempre meno

(ASCA) - Milano, 21 ago - La pubblicita' tradizionale condiziona sempre meno sia gli acquisti on line che quelli nel negozio tradizionale: l'utente, infatti, si informa da se' o chiede opinioni a terzi. A dirlo e' la ricerca sul futuro del commercio, commissionata da eBay al Politecnico di Milano, al Consorzio Netcomm e a Human Highway. Lo studio ha sondato le abitudini anche di chi compra nei negozi tradizionali ma consulta il web per reperire informazioni: ne emerge che il canale online sia sempre piu' irrinunciabile.

Tra quanti hanno acquistato on line elettronica di consumo, infatti, solo il 6,7% afferma di aver scelto dopo aver ascoltato servizi in TV o alla radio, mentre articoli su riviste e quotidiani hanno indirizzato appena il 19,2% degli utenti. Scende al 6,2% la percentuale di quanti hanno risposto di essersi ricordati di una qualche pubblicita' e quindi di aver perfezionato l'acquisto. Molti (il 30,3%), invece, hanno preferito vedere il prodotto nel negozio acquistandolo poi online, mentre il 13,6% non ha chiesto informazioni ne' ricevuto consigli. Dati simili anche nel settore dei Pc/Tablet: solo il 10,5% degli utenti si e' ricordato di una qualche pubblicita', il 19,3% ha letto articoli su giornali o riviste e appena il 4,4% ha ascoltato servizi radiofonici o televisivi: il 32,4% ha preferito visionare il prodotto presso il negozio per poi acquistarlo on line.

Inoltre, secondo quanto riportato da Ebay, nell'Ecommerce gli strumenti piu' utilizzati per chi acquista elettronica sono marketplace on line e siti comparatori. Il 56% di chi ha acquistato online ha consultato almeno una volta eBay o ha visitato un sito comparatore e piu' in generale un portale di annunci, mentre solo il 34,2% si e' rivolto almeno una volta ai siti della marca specifica. Percentuali che si mantengono significative anche tra quanti hanno fatto acquisti nei negozi tradizionali ma hanno utilizzato il web per acquisire informazioni: il 41% ha visitato siti comparatori, il 30,9% ha utilizzato Google e il 19,3% siti di annunci. Solo il 34,6% ha consultato il portale della marca di riferimento. Simile anche la dinamica nel settore dei pc/tablet, dove i siti delle case produttrici sono stati consultati dal 36,1% degli acquirenti online che si sono rivolti invece per il 49,3% a siti comparatori, per il 37,7% a eBay o ad altri portali di annunci. Nel commercio offline il panorama e' piu' variegato ma conferma come strumenti indispensabili i siti comparatori (consultati dal 26,1% degli utenti), i portali delle marche di riferimento (24,6%), eBay o siti di annunci (20,2%). ''Nel settore dell'Elettronica di consumo e dei Pc e Tablet - spiega Lamberto Siega di eBay in Italia - eBay fa riscontrare percentuali di visita superiori a quelle rilevate per i siti delle marche di riferimento, segno che il nostro marketplace e' sempre piu' uno strumento e un partner insostituibile per aziende e commercianti, una vetrina in piu' per ampliare il mercato potenziale e vendere a clienti altrimenti irraggiungibili, spesso anche oltre i confini nazionali. Grazie agli strumenti messi a disposizione da eBay a oltre 120 milioni di utenti attivi in tutto il mondo - conclude Siega - possiamo dire di essere la naturale continuazione del mercato tradizionale per qualsiasi azienda o rivenditore''. red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech