venerdì 02 dicembre | 21:04
pubblicato il 17/giu/2011 15:40

E.Coli/ In Italia nessun allarme, ma consumare carne ben cotta

I consigli d'igiene degli esperti per prevenire ogni infezione

E.Coli/ In Italia nessun allarme, ma consumare carne ben cotta

Roma, 17 giu. (askanews) - Nessun allarme in Italia per la nuova emergenza alimentare legata alla presenza, in alcuni hamburger surgelati provenienti dalla Germania, di un ceppo del batterio Escherichia Coli, benchè diverso da quello che ha provocato numerose vittime in Germania. Questo nuovo ceppo ha intossicato diversi bambini a Lille, in Francia e l'hamburger incriminato, distribuito dalla Lidl, è stato tolto dal commercio. Anche in Italia i Nas hanno sequestrato in provincia di Verona 1.570 confezioni di hamburger da un chilo e 4 mila confezioni di polpette da 900 grammi (per un totale di circa 5 tonnellate di prodotto) del marchio 'Steaks Country', ma il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ha ribadito che "i consumatori italiani possono stare tranquilli" e ha annunciato che oggi per pranzo avrebbe mangiato hamburger. Lo stesso Fazio ha però ammesso che nella vicenda si è diffuso un certo allarmismo. Possono dunque servire i consigli degli esperti: l'Adiconsum invita i consumatori ad astenersi dall'acquisto e dal consumo di hamburger surgelati di marca "Steaks Country" eventualmente presenti nei punti vendita del nostro Paese almeno fino a quando l'emergenza non sarà rientrata. Per quanto riguarda le regole d'igiene, valgono quelle generali, da sempre utili nella prevenzione di tossinfezioni trasmesse da alimenti: lavare accuratamente le mani prima di cucinare, e ripetere l'operazione dopo aver toccato alimenti crudi; evitare il consumo di carne cruda o poco cotta, specialmente se macinata, e di latte crudo non pastorizzato o di suoi derivati; lavare accuratamente insalate, ortaggi e frutta prima del consumo, eliminando la buccia ogni volta che sia possibile; evitare contaminazioni crociate di alimenti pronti per il consumo (come insalate e ortaggi da consumare crudi o cibi già cotti) con carne cruda - per esempio usando lo stesso coltello o lo stesso tagliere - e non lasciare mai che alimenti crudi o loro succhi vengano a contatto con cibi già cotti o destinati al consumo a crudo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari