giovedì 19 gennaio | 06:25
pubblicato il 23/lug/2014 12:00

E. Marino, contro inquinamento acustico serve la prevenzione

Con iniziative integrate di prevenzione

E. Marino, contro inquinamento acustico serve la prevenzione

Roma, 23 lug. (askanews) - 'Contro l'inquinamento acustico sono necessarie delle iniziative integrate di prevenzionè' e un'azione a tutto tondo che coinvolga più soggetti istituzionali. Per i decibel fuorilegge legati alla cosiddetta movida si potrebbe seguire l'esempio di molte città italiane che su proposta degli Assessorati al Commercio hanno realizzato deiregolamentì' ad hoc, coerenti con quelli di acustica ambientale comunali. A dichiararlo, Estella Marino, Assessore all'Ambiente di Roma Capitale, che in un'intervista a Radio Colonna nell'ambito della Campagna contro l'inquinamento acusticoSpegni il rumore accendi il divertimentò' di Legambiente Lazio e realizzata con il contributo di Fondazione Sorgente Group, fa il punto della situazione su quanto il proprio Assessorato sta facendo per la gestione e la lotta al rumore.Il tema della movida notturna, ovvero della convivenza tra le funzioni residenziali e le attività di esercizio pubblico e di svago, al pari di quanto avviene nelle altre città italiane, non può essere affrontato in un Regolamento come quello in corso di definizione dal Dipartimento Ambiente. I provvedimenti che l'Amministrazione comunale può concepire a tal riguardo, stante la legislazione in materia di liberalizzazione delle attività economiche, dovendo contemperare gli interessi degli operatori e degli avventori con quelli connessi al diritto alla quiete e alla sicurezza dei passanti e dei residenti, sono valutati e licenziati dal Gabinetto del Sindaco, eventualmente sentiti gli altri soggetti dell'Amministrazione competentì', spiega Marino. In molte città italiane, ad esempio, su proposta degli Assessorati al Commercio, sono stati concepiti dei regolamenti sulla movidà', che fossero coerenti con i regolamenti di acustica ambientale comunalè', afferma. Vorrei precisare che i fenomeni di disturbo legati alla movida solo in taluni casi sono riconducibili a questioni di mero superamento di decibe. Tra gli impatti più frequenti, tuttavia, rientrano quelli direttamente dipendenti dalla cattiva gestione delle attività, come nel caso della musica ad alto volume o oltre gli orari stabiliti, in parziale o totale difformità con quanto stabilito nelle autorizzazioni agli esercizi.Oltre a sottolineare che è attualmente in corso l'aggiornamento del Regolamento di Polizia urbana, di fronte a tali fenomeni, evidenzio infine che il Dipartimento Ambiente ha in più occasioni portato all'attenzione del Gabinetto del Sindaco e degli altri Uffici autorizzatori di manifestazioni temporanee ed esercizi pubblici (quali ad esempio il Dipartimento Cultura), la necessità di intraprendere iniziative integrate di prevenzionè', attraverso una programmazione delle attività, in modo da garantire livelli ottimali di quiete pubblicà', conclude Estella Marino.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina