giovedì 08 dicembre | 02:10
pubblicato il 23/lug/2014 12:00

E. Marino, contro inquinamento acustico serve la prevenzione

Con iniziative integrate di prevenzione

E. Marino, contro inquinamento acustico serve la prevenzione

Roma, 23 lug. (askanews) - 'Contro l'inquinamento acustico sono necessarie delle iniziative integrate di prevenzionè' e un'azione a tutto tondo che coinvolga più soggetti istituzionali. Per i decibel fuorilegge legati alla cosiddetta movida si potrebbe seguire l'esempio di molte città italiane che su proposta degli Assessorati al Commercio hanno realizzato deiregolamentì' ad hoc, coerenti con quelli di acustica ambientale comunali. A dichiararlo, Estella Marino, Assessore all'Ambiente di Roma Capitale, che in un'intervista a Radio Colonna nell'ambito della Campagna contro l'inquinamento acusticoSpegni il rumore accendi il divertimentò' di Legambiente Lazio e realizzata con il contributo di Fondazione Sorgente Group, fa il punto della situazione su quanto il proprio Assessorato sta facendo per la gestione e la lotta al rumore.Il tema della movida notturna, ovvero della convivenza tra le funzioni residenziali e le attività di esercizio pubblico e di svago, al pari di quanto avviene nelle altre città italiane, non può essere affrontato in un Regolamento come quello in corso di definizione dal Dipartimento Ambiente. I provvedimenti che l'Amministrazione comunale può concepire a tal riguardo, stante la legislazione in materia di liberalizzazione delle attività economiche, dovendo contemperare gli interessi degli operatori e degli avventori con quelli connessi al diritto alla quiete e alla sicurezza dei passanti e dei residenti, sono valutati e licenziati dal Gabinetto del Sindaco, eventualmente sentiti gli altri soggetti dell'Amministrazione competentì', spiega Marino. In molte città italiane, ad esempio, su proposta degli Assessorati al Commercio, sono stati concepiti dei regolamenti sulla movidà', che fossero coerenti con i regolamenti di acustica ambientale comunalè', afferma. Vorrei precisare che i fenomeni di disturbo legati alla movida solo in taluni casi sono riconducibili a questioni di mero superamento di decibe. Tra gli impatti più frequenti, tuttavia, rientrano quelli direttamente dipendenti dalla cattiva gestione delle attività, come nel caso della musica ad alto volume o oltre gli orari stabiliti, in parziale o totale difformità con quanto stabilito nelle autorizzazioni agli esercizi.Oltre a sottolineare che è attualmente in corso l'aggiornamento del Regolamento di Polizia urbana, di fronte a tali fenomeni, evidenzio infine che il Dipartimento Ambiente ha in più occasioni portato all'attenzione del Gabinetto del Sindaco e degli altri Uffici autorizzatori di manifestazioni temporanee ed esercizi pubblici (quali ad esempio il Dipartimento Cultura), la necessità di intraprendere iniziative integrate di prevenzionè', attraverso una programmazione delle attività, in modo da garantire livelli ottimali di quiete pubblicà', conclude Estella Marino.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni