lunedì 05 dicembre | 15:29
pubblicato il 11/apr/2013 14:25

Droga: un database nazionale per nuove sostanze. Convenzione Dpa e Ris

Droga: un database nazionale per nuove sostanze. Convenzione Dpa e Ris

(ASCA) - Roma, 11 apr - Un ''Sistema di allerta precoce'' a livello nazionale piu' capillare per un ''efficace contrasto alle nuove droghe''.

E questo grazie ad un accordo di collaborazione tra il Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dpa) e l'Arma dei Carabinieri, con il Reparto Investigazioni Scientifiche (Ris) e i laboratori Analisi Sostanze Stupefacenti (Lass) che entrano cosi' a far parte, a pieno titolo, dei centri collaborativi del Sistema.

Ad illustrarlo oggi alla stampa sono stati il capo dei Ris, gen. Enrico Cataldi e il capo del Dpa Giovanni Serpelloni.

Obiettivo principale della convenzione stipulata, e' stato spiegato oggi, e' la necessita' di un adeguamento costante delle conoscenze del personale specializzato in materia di droga. Ma altro obiettivo, ha spiegato Serpelloni, quello di giungere a un database nazionale per aggiornare tutti i profili delle nuove sostanze. Quello che appare sempre piu' una necessita', hanno quindi sostenuto sia il gen. Cataldi che Serpelloni, e' ''sostenere una sempre piu' efficiente e tempestiva individuazione delle nuove sostanze stupefacenti con lo scopo di contrastarne la libera circolazione e la vendita sia via internet che nei cosiddetti 'smart shop'''.

L'aggiornamento degli uomini dei Ris, dunque, avverra' presso le loro sedi attraverso periodici incontri formativi, che avranno inizio proprio nel mese di aprile. Saranno in tutto 100 i militari specializzati che frequenteranno i corsi, tenuti da Ufficiali Comandanti delle Sezioni di Chimica dei Carabinieri e da esperti nazionali e internazionali dei Centri Collaborativi del Dipartimento Politiche Antidroga. In particolare, verranno approfonditi i protocolli analitici e le buone prassi di laboratorio per l'analisi chimica, qualitativa e quantitativa, delle sostanze stupefacenti ed in particolare delle ''nuove droghe''. Sara' inoltre illustrato e analizzato nel dettaglio il funzionamento del Sistema di Allerta Precoce con particolare riferimento alla sua finalita': la rilevazione tempestiva dei fenomeni droga correlati potenzialmente pericolosi, l'invio di segnalazioni di allerta e l'attivazione di azioni di risposta.

''Questa convenzione e l'approfondimento formativo che essa prevede - ha sottolineato Serpelloni - hanno un'importanza cruciale nella lotta alle droghe, soprattutto a quelle nuove come i cannabinoidi e i catinoni sintetici e le fenetilammine, responsabili di numerosi casi di intossicazione in Italia e in Europa. Una lotta che non puo' mai essere interrotta e la cui efficacia e tempestivita' vanno costantemente migliorate perche' il mercato delle droghe corre veloce e le Istituzioni e le Forze dell'Ordine unite devono tenere il passo, nell'interesse della salute dei cittadini''. gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari