domenica 04 dicembre | 19:41
pubblicato il 18/nov/2011 17:49

Droga sul Monte Faito, le associazioni locali insorgono

Uso improprio del nome della cima solo perché conosciuta

Droga sul Monte Faito, le associazioni locali insorgono

Piantagioni di marijuana sul Monte Faito, contadini spodestati dai pusher. Questo genere di notizie di traffici sui monti Lattari circolano da alcuni giorni e stanno suscitando polemiche. La denuncia è partita da una dichiarazione riportata dalla stampa del sindaco di Gragnano, Annarita Patriarca "I contadini delle nostre terre sono stati minacciati dai clan. Prima qui si coltivava il grano, ora la droga". Poi è tornato sull'argomento il sindaco di Castellammare di Stabia, Luigi Bobbio, "Ho lanciato l'allarme circa un anno fa - ha detto - e non si è ancora visto nessun risultato. La coltivazione della marijuana è un problema affrontato con interventi sporadici". Le associazioni come "Monte aMare", presieduta da Marika De Rosa insorgono. Il punto, spiegano è l'uso improprio del nome Faito, più conosciuto per fatti di cronaca come la scomparsa di Angela Celentano, quando in realtà le denunce della stampa fanno riferimento ad altre cime della dei monti Lattari. In generale, dunque, il problema del degrado c'è e resta, e questa è un'emergenza su cui sembrano trovarsi tutti d'accordo.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari