sabato 10 dicembre | 06:30
pubblicato il 03/apr/2013 19:42

Droga: Nuova opportunita' terapeutica contro dipendenza da cocaina

Droga: Nuova opportunita' terapeutica contro dipendenza da cocaina

(ASCA) - Roma, 3 apr - Un gruppo di scienziati americani, diretto da Antonello Bonci del National Institute on Drug Abuse di Bethesda e stretto collaboratore del Dipartimento Politiche Antidroga Italiano, ha dimostrato attraverso un recentissimo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature (Rescuing cocaine-induced prefrontal cortex hypoactivity prevents compulsive cocaine seeking) che e' possibile eliminare l'interesse ad assumere cocaina grazie ad una tecnologia rivoluzionaria e avveniristica chiamata ''optogenetica'' , una specialita' dell' ingegneria genetica. Gli innovativi esperimenti sono stati eseguiti su modelli animali e gli scienziati hanno reso un gruppo di ratti severamente dipendenti alla cocaina. Poi hanno misurato l'attivita'' cerebrale della loro corteccia frontale (porzione prelimbica) che e' un'area del cervello importantissima per quello che riguarda la capacita' del soggetto di prendere decisioni e di controllare i propri comportamenti. Gli scienziati hanno osservato che tale corteccia frontale viene ''spenta'' dalla somministrazione cronica e compulsiva di cocaina e quindi i soggetti hanno meno capacita' di controllo del loro comportamento e dell'assunzione di droga.

Utilizzando l'optogenetica, i ricercatori hanno messo a punto una tecnica che riesce a ''risvegliare'' la corteccia frontale inibita dalla cocaina, grazie ad un virus speciale che riesce a riattivare in modo selettivo i neuroni della zona del cervello prescelta. In seguito a tale riattivazione dei neuroni ''addormentati'', il comportamento di assumere droga in maniera compulsiva e quindi la dipendenza scompare.

''Le implicazioni di questo studio sono importantissime e di immediata utilita' terapeutica'' commenta Bonci.

Infatti, possiamo gia' usare nei pazienti tecniche di stimolazione cerebrale non invasive della corteccia prefrontale, quali la stimolazione transcranica magnetica e, per altre vie, questo studio, suggerisce che la stimolazione specifica di questa area cerebrale dovrebbe favorire la riduzione dei comportamenti di dipendenza da cocaina''.

''E' un passo importantissimo e apre prospettive terapeutiche e di ricerca completamente nuove - ha dichiarato Giovanni Serpelloni, Capo del Dipartimento Politiche Antidroga - la collaborazione con il NIDA che questo Dipartimento sta portando avanti da anni, si sta mostrando sempre piu' utile e importante per i nostri malati, trovare nuove soluzioni per ridurre le sofferenze delle persone con dipendenza e poterle reinserire nella societa' e' una priorita' anche per la ricerca nel campo delle neuroscienze.

Noi in Italia siamo all'avanguardia in questo senso e gia' attrezzati a eseguire studi con la Stimolazione Transcranica Magnetica grazie ad un progetto specifico attivato dal Dipartimento''.

Le ricerche proseguiranno nei prossimi mesi grazie anche all'attivazione, da parte del DPA, di uno specifico centro italiano per la promozione delle collaborazioni Italia - USA.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina