martedì 21 febbraio | 15:25
pubblicato il 09/gen/2014 11:16

Droga: Lorenzin, assolutamente contraria a ogni ipotesi legalizzazione

Droga: Lorenzin, assolutamente contraria a ogni ipotesi legalizzazione

(ASCA) - Roma, 9 gen 2014 - ''Sono assolutamente contraria alla legalizzazione delle droghe leggere. Uno dei temi che viene evidenziato e' quello di trarre benefici economici dalla commercializzazione delle droghe leggere, come ad esempio hanno fatto in Olanda, con la commercializzazione della marijuana e creando di fatto un turismo internazionale della marijuana. Tutto questo ottenendo due risultati: primo, i danni estremi per la salute dei cittadini e secondo, l'affermazione di una cultura della normalizzazione dell'uso di sostanza psicotrope, che continua a produrre in Italia, in Europa e nel mondo, danni enormi, molto piu gravi di quelli legati all'uso di una singola sostanza''. Questa la posizione del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin espressa nel corso della trasmissione ''Prima di tutto'', su Radio 1.

Secondo il ministro esistono due ordine di problemi: ''quello strettamente sanitario e quello culturale, che accompagna l'uso delle sostanze. Io credo che il tema delle dipendenze sia un tema di scottante attualita' di cui si parla troppo poco. Ma come facciamo a parlare di liberalizzazione - ha detto ancora Lorenzin - se i numeri che noi continuiamo a registrare ci parlano di una diffusione sempre maggiore fra i giovanissimi di uso di sostanze, non solo marijuana, hashish, ecstasy, cocaina, e purtroppo anche il ritorno dell'eroina, oppiacei, coktail, sostanze legata all'alcol, sempre piu' in aumento l'alcolismo fra i giovani''.

''Dunque, questi sono messaggi negativi anche sul piano culturale, destabilizzanti. Rischiamo - conclude la Lorenzin - di far passare, riprodottA come un mantra, un' idea di sottovalutazione del problema, come accaduto negli ultimi 30 anni: cioe' dire, ma in fondo utilizzare queste soStanze psicotrope e' una cosa piu' o meno normale, che poi non fa tanto male, che lo faccio per divertirmi, che se lo faccio una volta sola che vuoi che mi succeda. Ed e' un messaggio che di fatto aiuta il consumo, deresponsabilizzando sull'uso di queste sostanze. E questo e' un danno per i giovanissimi e anche per gli adulti''. red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia