mercoledì 22 febbraio | 02:39
pubblicato il 04/ott/2011 16:18

Dopo Fukushima arriva lo smartphone che misura le radiazioni

La paura tiene banco alla fiera elettronica di Tokyo

Dopo Fukushima arriva lo smartphone che misura le radiazioni

Cellulari capaci di misurare le radiazioni, contatori geiger che si collegano via bluetooth. Alla più grande fiera di elettronica del Giappone a Tokyo la vera protagonista è la paura. Dopo l'incidente provocato dalla tsunami alla centrale nucleare di Fukushima molti espositori propongono smartphone speciali."Il concetto di involucri muniti di sensori è stato lanciato l'anno scorso - spiega Naoko Minobe dell'azienda NTT Docomo - ma dopo gli eventi di quest'anno abbiamo avuto l'idea di mettere un sensore capace di misurare le radiazioni". Anche i geiger, tradizionali contatori di radiazioni, si sono evoluti.Il miglioramento di questa nuova versione - dice Julien Battailler della Horiba - è la possibilità di comunicare via bluetooth con uno smartphone android o un pc e di registrare i valori delle radiazioni localizzandone la posizione grazie al Gps". Gli apparecchi sono prototipi e verranno messi in commercio in futuro.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia