sabato 10 dicembre | 23:28
pubblicato il 14/mar/2011 17:30

Donna mutilata, trans rintracciato: non ho visto nulla di strano

Continuano ricerche su persone scomparse per identificare vittima

Donna mutilata, trans rintracciato: non ho visto nulla di strano

Roma, 14 mar. (askanews) - E' stata rintracciata e ascoltata dagli investigatori della squadra mobile di Roma la transessuale che abitualmente si prostituisce in una piazzola sulla via Ardeatina incrocio via di Porta Medaglia, a pochi metri da dove l'8 marzo è stato ritrovato il cadavere mutilato di una donna. La trans ha spiegato agli agenti che, fino al pomeriggio inoltrato del 7 marzo, fino alle 17, è rimasta al suo solito posto, contrassegnato da una poltroncina rossa tra due alberi: fino a quel momento non ha notato 'nulla di strano' e tra quelle sterpaglie non c'era alcun cadavere. La trans come molte delle prostitute della zona, soprattutto clandestine, era scomparsa dopo il ritrovamento del corpo. Ma le lucciole rimaste, ascoltate insieme ai residenti in una delle battute condotte nella zona, avevano fatto sapere agli agenti che nessuna di loro mancava all'appello. Mentre si attendono le analisi della polizia scientifica sui campioni prelevati dal corpo della vittima, alla ricerca di eventuali tracce dell'assassino e del suo dna, gli agenti della squadra mobile capitolina diretti da Vittorio Rizzi, continuano le indagini per identificare la vittima. Gli investigatori stanno vagliando le denunce e ascoltando i familiari di persone scomparse che possano corrispondere alla vittima, di cui però si sa poco: donna, età 20-45 anni, carnagione chiara, "razza caucasica", come recita il referto dell'autopsia. E un giubbotto nero con una scritta. Il lavoro di ricerca sull'elenco delle persone scomparse si è esteso a tutta l'Italia, mentre le impronte digitali, che non hanno trovato riscontro nell'Afis, sono state inviate nell'ambito dell'Interpol per un confronto negli archivi di tutto il mondo. Il killer, con un lavoro da macellaio, ha reciso la testa, disarticolato e staccato le gambe alla sua vittima, resti che non sono stati trovati. Forse gettati altrove o che ha ucciso e mutilato ha conservato. Il torace della donna, eviscerato, con indosso una maglia e un giubbotto, quest'ultimo privo di segni dei tagli, è l'unica cosa che ha lasciato, a pochi metri dal ciglio della strada. E sembra quindi ce lo abbia lasciato solo la notte prima del suo ritrovamento, l'8 marzo, quando la donna era morta da 4-7 giorni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina