lunedì 05 dicembre | 01:47
pubblicato il 26/ott/2014 17:27

Don Ciotti: abbiamo permesso mafie e corruzione, ora basta

Si chiude manifestazione di Libera Contromafie, 7000 partecipanti

Don Ciotti: abbiamo permesso mafie e corruzione, ora basta

Roma, 26 ott. (askanews) - "Abbiamo permesso che esistessero mafie e corruzione, ora basta. C'è bisogno di un processo di purificazione, e soprattutto dobbiamo evitare la putrefazione del potere", con queste parole Don Ciotti, fondatore di Libera, ha concluso la grande manifestazione Antimafia che si è tenuta a Roma, sottolineando la necessità di "un cambiamento, che chiama in causa tutti, ma che non può realizzarsi se viene ostacolato dall'alto".

Circa settemila partecipanti in quattro giorni, 30 gruppi di lavoro con oltre 200 relatori con contributi di magistrati, esponenti del sindacato, del volontariato, del terzo settore, dell'università,giornalisti, scrittori, amministratori, uomini politici. E' il bilancio di Contromafie, gli Stati Generali dell'Antimafia organizzati a Roma da Libera. Quattro giorni di grande partecipazione, dibattito, approfondimento, proposte sintetizzati, nel giorno di chiusura, in un Manifesto programmatico di linee guida per "andare oltre, insieme" e dire "basta mafie e corruzione, ora". Dieci gli impegni sottoscritti nel Manifesto finale per liberare l'Italia dalle mafie e dalla corruzione, con l'obiettivo di tre riforme, "necessarie al Paese: riformare la legalità, la solidarietà e l'etica".

"Sono secoli che ci sono le mafie e noi glielo abbiamo permesso. Non dobbiamo permetterlo più", ha detto Don Ciotti, aggiungendo: "Noi dobbiamo andare oltre. La situazione del problema mafie e corruzione in Italia è veramente difficile e grave. In questo momento di grande crisi economica-finanziaria, sono forti. E noi fino a oggi glielo abbiamo permesso. Dobbiamo cambiare il nostro modo di organizzarci, assumerci la nostra parte di responsabilità".

Perché - ha avvertito Don Ciotti - "i percorsi di liberazione in Italia non sono assolutamente terminati. Noi vogliamo voltare pagina, portare il nostro contributo. C'è bisogno di un processo di purificazione, e soprattutto dobbiamo evitare la putrefazione del potere". E "il cambiamento chiama in causa tutti, ma il cambiamento non può realizzarsi se viene ostacolato dall'alto", ha sottolineato. "Noi vogliamo stare con la buona politica ma non al suo posto, noi facciamo altro", ha concluso Don Ciotti, avvertendo: "Libera non appartiene a nessun partito e nessun partito ci metta l'etichetta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari