lunedì 16 gennaio | 12:09
pubblicato il 15/nov/2013 20:26

Discriminazioni: famiglie numerose a Barilla, inviti anche noi al Board

(ASCA) - Roma, 14 nov - Ha fatto notizia l'annuncio del management del gruppo Barilla di voler costituire un board con il compito di sviluppare una nuova strategia comunicativa ed aziendale sempre piu' attenta alle minoranze, spesso discriminate, del nostro Paese.

Plaude all'iniziativa il leader delle Famiglie numerose Giuseppe Butturini che ha scritto a Guido Barilla: ''Ci auguriamo che il nuovo piano vorra' tener conto anche delle condizioni delle famiglie numerose del nostro Paese - si legge nella missiva. Sono circa 120mila le famiglie con almeno quattro figli presenti in Italia, quasi tutti ghiotte di pasta. La nostra associazione li rappresenta. Famiglie che rivendicano la piena applicazione della carta costituzionale che le vorrebbe incoraggiate e sostenute dallo Stato. E che invece si sentono penalizzate e spesso, appunto, discriminate. Una recente ricerca condotta su un campione rappresentativo di famiglie con piu' figli, offre una interessante lettura di quale sia la loro percezione. Alla domanda: siete mai stati vittime di discriminazioni, soprusi, insulti e minacce per il fatto di essere famiglie numerose? il 27.90% delle coppie intervistate ha risposto si', spesso, il 23,51% si', e' capitato almeno una volta, mentre meno della meta', il 48.58% ha risposto no, mai.

Gli episodi di discriminazione piu' frequenti denunciati dalle Famiglie numerose: inviti all'aborto, la troncatura di una carriera lavorativa, dimissioni in bianco o contratti a tempo determinato non rinnovati alle donne che comunicavano al loro datore di lavoro di essere incinta, fino alle difficolta' incontrate nella prenotazione di alberghi, villaggi turistici, ristoranti che mal sopportavano la presenza di bambini. E musei interdetti ''a cani e passeggini''. A tutti questi episodi si aggiungano politiche familiari deficitarie, un fisco mai family-friendly, una scarsa considerazione attribuita dallo Stato al carico che si assume una coppia mettendo al mondo un figlio.

Il nostro osservatorio politico - continua Giuseppe Butturini - ormai da tempo, e' un laboratorio di emendamenti, disegni di legge, mozioni. Ma la nostra battaglia e' soprattutto culturale e, certo, la vostra idea ci solletica. Di qui la proposta: abbiamo letto della costituzione di un advisory board all'interno del vostro gruppo. Abbiamo esperienze e professionalita' adatte per farne parte, se solo voi lo vorrete. Sara' un'occasione per entrambi''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Maltempo
P. Civile: ancora neve al centro-sud, venti forti anche al nord
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Napoli
Napoli, scoppia bombola del gas: un morto e almeno due feriti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche