sabato 03 dicembre | 06:28
pubblicato il 11/feb/2013 15:07

Dimissioni di Benedetto XVI: Palermo, le reazioni dei fedeli

Incredulità e smarrimento ma anche speranza per il futuro

Dimissioni di Benedetto XVI: Palermo, le reazioni dei fedeli

Palermo (askanews) - I fedeli cattolici sono stati colti alla sprovvista dalla notizia dell'abdicazione di Papa Bendetto XVI, che - primo Papa della storia recente, dopo il "gran rifiuto" di Celestino V nel 1294 - dal 28 febbraio 2013, lascerà il soglio di Pietro.Questa l'atmosfera che si respirava a Palermo."Non era il suo posto credo- ammette una donna - abbiamo bisogno di un uomo molto più spirituale, suppongo""Non ho parole - aggiunge un'altra fedele - diciamo che siamo tutti con il papa, che ci sta lasciando così non so che dire"."Non riesco a farmene una ragione - spiega, invece, un giovane - devo metabolizzare questa notizia""E una cosa sorprendente - conclude un fedele - ci ha colto tutti di sorpresa, anche la Chiesa stessa. So che ci dovrebbe essere un papa entro Pasqua, speriamo in meglio. Speriamo che eleggono un Papa più giovane, più adatto ai tempi magari".

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari