domenica 26 febbraio | 20:11
pubblicato il 22/lug/2013 15:59

Digital: app, community e servizi, e' boom per il social fitness

(ASCA) - Roma, 22 lug - La rivoluzione digitale sta impattando anche il mondo del fitness e del benessere in generale, nel quale si stanno sempre piu' affermando nuove modalita' per tracciare, gestire e condividere la propria attivita' fisica in real time. Non solo si moltiplicano i siti web in cui gli iscritti rilasciano opinioni sulle proprie prestazioni e i gruppi in rete che fungono da cassa di risonanza per nuove tendenze come il cross-fit, ma sono ormai centinaia le App disponibili per confrontare esperienze, prodotti, prestazioni e brand legati al tema del wellness. Basta girare la rete per scoprire realta' come il social media show Reebok Fit Club - nel quale cinque blogger hanno la possibilita' di esplorare il mondo del fitness e cambiare il proprio stile di vita grazie a coach e trainers - o come Fitstadium, social network che offre la possibilita' di mantenere un diario di allenamento automatizzato online, commentabile e visibile da altri utenti. In un'era in cui tutti siamo sempre piu' ininterrottamente connessi a qualche device, emergono App come Fitocracy, che aiuta gli utenti a svolgere attivita' fisica partecipando a sfide sportive all'interno di una community, o strumenti come Jawbone Up, bracciale che rileva anche i piu' piccoli movimenti del corpo per registrare informazioni su come ci muoviamo, dormiamo, mangiamo e su quale sia il nostro stato d'animo. Il fitness, insomma, e' sempre piu' un piacere da condividere. Gli italiani che praticano un'attivita' sportiva sono circa 40 milioni, con un giro d'affari di 3 miliardi di euro annui ai quali vanno aggiunti altri 2,5 miliardi di un indotto che comprende abbigliamento, accessori e integratori alimentari. Se poi consideriamo anche istituti di bellezza, centri idrotermali e stabilimenti, piscine, palestre, hotel con area wellness e stabilimenti balneari attrezzati, si supera la cifra dei 21 miliardi. E sono ben 11 milioni gli italiani che spendono o si dichiarano pronti a spendere fino a 1.200 euro all'anno per prodotti e servizi destinati al benessere fisico. Tutto questo sta dando vita ad un ricco ecosistema di ''specialisti'' con le tecnologie digitali in prima fila a svolgere un prezioso ruolo di supporto per milioni di persone. Secondo un'analisi svolta dallo studio Lab 42, il 51% delle persone che praticano attivita' fisica non possono fare a meno del proprio smartphone per ascoltare musica, per utilizzare App per il conteggio di calorie, passi o battiti cardiaci o per condividere con gli amici gli ultimi risultati su Facebook. Un cliente sempre piu' ''mobile'', insomma, necessita di servizi personalizzati, tascabili e accessibili 24/7; esigenze che - come sottolinea la service design company Logotel - un retailer/brand puo' e deve intercettare per costruire soluzioni su misura.

''Oggi stanno emergendo moltissime comunita' digitali accomunate da uno stile di vita votato al fitness; community che possono essere spontanee, guidate dai retailer o progettate ad hoc dai produttori - spiega Cristina Favini, Strategist e Manager of Design Logotel - e saperle intercettare o addirittura lanciare e' una sfida importante, che consente di governare azioni di ingaggio, sia social che di esperienza fisica, per portare fidelizzazione sul web e pedonabilita' all'interno del negozio, secondo quel modello di integrazione tra online e offline che definiamo Retail Iceberg''. ''Da un punto di vista antropologico - conclude Cristina Favini - le community di social fitness incarnano tutte le leve motivazionali che possono determinare il successo di un'azione di engagement: desiderio di affermazione e di auto-miglioramento da parte degli individui, senso di appartenenza collettiva a una ''tribu'', ricerca continua di nuovi stimoli e informazioni. Ed e' su queste leve che brand e retailer possono lavorare in un'ottica di sistema per scambiare valore concreto con i propri clienti''.

red/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech