domenica 11 dicembre | 03:18
pubblicato il 05/ago/2014 12:00

Dia: da Cosa nostra segnali di derive di scontro, più vigilanza

"Concentrare l'attenzione sulle zone d'ombra"

Dia: da Cosa nostra segnali di derive di scontro, più vigilanza

Roma, 5 ago. (askanews) - "E' necessario innalzare il livello di vigilanza" nei confronti di Cosa nostra "a fronte di segnali che, divergendo dalla strategia di silente sommersione, sembrano propendere verso derive di scontro ancora da ben decifrare". E' l'allarme lanciato dalla Direzione nazionale antimafia nell'ultima relazione semestrale al Parlamento (luglio-dicembre 2013), diffusa oggi. Secondo la Dia la mafia siciliana sta puntando a rapporti sempre più stretti con "pezzi significativi dell'economia locale. Tale legame - si legge nel documento - alimenta il potere mafioso, contamina la dimensione socio-culturale del territorio, frenandone lo sviluppo e impedisce l'evoluzione verso un moderno sistema di governance. L'attenzione sarà concentrata sulle 'zone d'ombra' in cui il confine tra il legale e l'illecito diventa labile, puntando a preservare la credibilità delle istituzioni e neutralizzando quegli elementi distorsivi che logorano il senso civico", conclude la Direzione nazionale antimafia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina