martedì 17 gennaio | 16:37
pubblicato il 30/mar/2011 16:56

Delitto Olgiata/ Analisi Dna ha cambiato corso delle indagini

Pm chiederà archiviazione per Roberto Jacono

Delitto Olgiata/ Analisi Dna ha cambiato corso delle indagini

Roma, 30 mar. (askanews) - Un domestico che uccide per problemi di denaro la padrona di casa, nella camera da letto della donna. Non è la soluzione di un gioco da tavolo, ma il quadro d'accuse che si sta riversando addosso a Winston Manuel Reves, una moglie e tre figli, nato nelle Filippine ma residente da tempo a Roma. E' rimasto l'unico indagato per l'omicidio di Alberica Filo della Torre, avvenuto il 10 luglio del '91. Secondo i difensori, gli avvocati Andrea Guidi e Flaminia Caldani, nel carcere di Regina Coeli è adesso "scosso, sorpreso" ma anche "sereno perché si considera innocente". I due legali non vogliono aggiungere nulla. E sembra chiaro che la battaglia si svolgerà tutta davanti al giudice delle indagini preliminari che dovrà convalidare o meno l'arresto di Winston. La prova di forza della Procura, che ha emesso un decreto di fermo e non ha atteso una ordinanza, è uno dei passaggi difficili da sottovalutare in questa fase. Perché il nome del filippino era più volte comparso nell'inchiesta. Per molto tempo investigatori avevano cercato la prova principe a carico di Winston, ma anche l'incidente probatorio svolto sulla macchia di sangue trovata sui jeans che il filippino aveva indosso così come la ferita al gomito, non aveva portato un risultato diverso, netto, semplice. Le verifiche, i controlli, sul lenzuolo che strinse il collo della contessa, non erano allora, all'inizio degli anni '90, così sofistificati, raffinati come adesso. E così ogni volta uomini sul campo e magistrati si ritrovavano con il vicolo cieco di sospetti, ipotesi, dubbi da chiarire. Roberto Jacono, figlio dell'insegnante privata di inglese dei figli dei coniugi Mattei, era un un ulteriore interrogativo. Adesso per la sua posizione i pubblici ministeri chiederanno l'archiviazione. E' lui un'altra delle vittime del mistero che si è annodato per anni su se stesso. Così come gli accertamenti sugli affari del marito di Alberica, l'imprenditore Pietro Mattei, o dell'amicizia della famiglia con un funzionario del Sisde. Altri interrogativi inutili che riempivano le pagine di giornale, ma non servivano a trovare un responsabile, un qualcuno che fosse chiamato a rispondere di quel che era successo. "Quando ad un mosaico manca sempre una tessera doveva sorgere un dubbio, dare un orientamento. Ma non è successo - commenta un investigatore che per oltre un anno ha lavorato al caso - Ora è facile parlare. Le analisi del dna permettono di essere più tranquilli. Ma di elementi a carico di Winston ce ne sono molti adesso perché ce n'era anche all'epoca dei fatti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa