domenica 11 dicembre | 09:59
pubblicato il 17/gen/2013 16:31

Degrado a Napoli, l'Ospedale della pace ridotto a un rudere

I chiostri sono come discariche, la rabbia degli abitanti

Degrado a Napoli, l'Ospedale della pace ridotto a un rudere

Napoli (askanews) - A Napoli si sa, a ogni passo si rischia di incappare in una contraddizione. Accade così che mentre da una parte si combatta per il lungomare liberato, da un'altra ci siano palazzi e monumenti, autentici capolavori del patrimonio artistico cittadino, vittima d'incuria e degrado. E' quello che sta succedendo all'"Ospedale della Pace", nel quattrocentesco palazzo di Ser Gianni Caracciolo, che fu l'amante della Regina Giovanna II. L'edificio è un capolavoro d'architettura, con un doppio chiostro interno e stanze affrescate tra cui la famosa sala del Lazzaretto, dove i padri ospedalieri ricoveravano gli appestati e i lebbrosi. Di tutto questo però oggi - che il palazzo è sede della quarta municipalità - rimane solo un ricordo, sommerso sotto strati di calcinacci, polvere e spazzatura. Le persone che abitano nella zona chiedono un immediato intervento di bonifica e restauro da parte delle autorità affinché il monumento e l'intera zona possa essere salvata dal degrado e restituita all'antico splendore.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina