domenica 04 dicembre | 22:08
pubblicato il 21/giu/2012 16:54

Dalai Lama/ Slitta decisione su cittadinanza onoraria a Milano

Consiglio comunale prende tempo, voto delibera ancora possibile

Dalai Lama/ Slitta decisione su cittadinanza onoraria a Milano

Milano, 21 giu. (askanews) - I consiglieri comunali di Milano hanno deciso di prendersi almeno un giorno di tempo in più per decidere se procedere o meno con la cittadinanza onoraria al Dalai Lama, che dal 26 al 28 giugno sarà in città per una serie di meditazioni e per incontrare gli studenti delle università lombarde. L'assemblea doveva votare oggi pomeriggio la delibera, firmata da tutti i gruppi, che avrebbe reso milanese il leader del buddhismo tibetano, ma i consiglieri hanno votato solo per un rinvio della decisione. Colpa delle pressioni delle Cina e della Farnesina che hanno indotto il Comune a tenere in considerazione le conseguenze dell'onorificenza, ad esempio una rinuncia da parte di Pechino a partecipare ad Expo 2015. Il Consiglio comunale è convocato ancora domani, ma non è ancora chiaro se si esprimerà sul Dalai Lama. In teoria ci sarebbe tempo anche lunedì, ma è chiaro che dopo il voto di oggi la delibera risulta congelata. In Consiglio è intervenuto anche il sindaco, Giuliano Pisapia, che ha negato di avere incontrato l'ambasciatore cinese né rappresentanti del ministero degli Esteri. L'unico faccia a faccia, ha raccontato, è stato quello informale a Palazzo Reale con la console cinese durante la cena organizzata venerdì scorso dalla Fondazione Italia-Cina. In quell'occasione la rappresentante di Pechino ha detto che la cittadinanza onoraria sarebbe stata interpretata come un gesto di "inimicizia", mentre Pisapia ha ribattuto che l'iniziativa vuole essere un riconoscimento a una personalità che si è distinta per la sua azione a favore della pace e del dialogo interreligioso nel mondo. La cittadinanza onoraria gli stata invece già conferita all'unanimità nel 2008 dal Consiglio comunale di Bologna, ma l'onorificenza non gli è mai stata consegnata. La visita a Mirandola (Modena) in programma domenica 24 giugno potrebbe essere l'occasione per consegnarli almeno un invito ufficiale, ma anche in questo caso i rapporti con Pechino hanno creato qualche imbarazzo. Il leader tibetano atterrerà domenica all'aeroporto di Bologna con un volo proveniente da Londra. Dopo la visita nella zone del terremoto proseguirà per la Basilicata dove si fermerà fino al 25 giugno per visitare la Città della Pace di Scanzano Jonico, progetto di accoglienza per bambini provenienti da Paesi poveri e zone di guerra, nato da un'idea del premio Nobel Betty Williams. Un'idea partita 2003 durante la mobilitazione popolare contro il progetto di un deposito di materiale radioattivo. La visita in Italia proseguirà poi a Milano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari