venerdì 24 febbraio | 01:18
pubblicato il 10/mar/2014 15:51

Dai quartieri poveri del Burundi a videomaker, la storia di Elie

22 anni, studente modello, sostenuto a distanza con Avsi

Dai quartieri poveri del Burundi a videomaker, la storia di Elie

Milano, (askanews) - Da bambino senza futuro in uno dei quartieri più poveri del Burundi a videomaker. E' la storia a lieto fine di Elie, 22 anni, autore di un documentario sul ruolo dell'educazione in Burundi e studente modello, il migliore del 2013, all'Università di Leadership a Bujumbura, in Burundi. In questa stessa città è cominciato il suo percorso di riscatto, dalla casa in uno dei quartieri più poveri della città in cui viveva con la madre e una famiglia numerosa. A 12 anni ha conosciuto l'ong italiana AVSI e il sostegno a distanza e ha cominciato a frequentare il Centro MEO, uno spazio comune e protetto per bambini, mamme e orfani di guerra sostenuto dalla Fondazione d'Harcourt. Per 10 anni il suo sostenitore a distanza e le associazioni lo hanno accompagnato negli studi fino all'università. La sua esperienza e il lavoro del Centro Meo sono anche protagonisti di una mostra nelle sede dell'Onu a Ginevra.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech