martedì 21 febbraio | 02:17
pubblicato il 17/ott/2011 11:27

Da Palermo manifesto antiracket nel nome di Libero Grassi

Decalogo contro il pizzo dell'associazione "Libero Futuro"

Da Palermo manifesto antiracket nel nome di Libero Grassi

A una certa parte delle istituzioni la lotta alla mafia non interessa. La pesante accusa arriva dal presidente di Confindustria Sicilia, Ivan Lo Bello intervenuto alla presentazione del "manifesto dei professionisti liberi", un programma di 10 regole, dedicato a quei professionisti che, con il loro impegno, ribadiscono ogni giorno il proprio No al racket.Il programma è stato ideato dall'associazione Libero Futuro, dedicata alla memoria di Libero Grassi, l'imprenditore ucciso dalla mafia per essersi ribellato al pizzo. Chi lo sottoscrive - spiegano - s'impegnerà in modo solenne di fronte alla società a rispettarne le regole, compiendo, ciascuno a suo modo, un piccolo passo nella lotta alle estorsioni. Chiunque voglia aderire potrà farlo iscrivendosi on line sul sito web liberofuturo.org.

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia