martedì 17 gennaio | 12:09
pubblicato il 11/mar/2011 19:30

Cucchi/ La sorella Ilaria a Giovanardi: ci lasci in pace

In una lettera: "Non si costituisca parte civile"

Cucchi/ La sorella Ilaria a Giovanardi: ci lasci in pace

Roma, 11 mar. (askanews) - "Caro onorevole Carlo Giovanardi, indubbiamente la morte di mio fratello, per come è avvenuta, deve fare come ha fatto e farà discutere. Tanto. Una morte lenta e terribile, abbandonato a se stesso ed isolato dal resto del mondo mentre era in balìa dello Stato italiano". Così scrive in una lettera Ilaria Cucchi, sorella del giovane geometra deceduto in seguito all'arresto. "Abbiamo accettato il dialogo con tutti, sempre in termini civili, purchè ci si potesse confrontare sui fatti e non sui luoghi comuni od i pregiudizi - continua - Abbiamo avuto affetto e solidarietà da tutti, anche politici, anche con importanti cariche istituzionali senza però che questi ultimi , ovviamente, entrassero nel merito delle indagini, nell'assoluto rispetto delle Loro funzioni". Poi Ilaria Cucchi aggiunge: "Per lei onorevole è diverso. Lei è sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed abbiamo fin da subito dovuto fare i conti con i suoi numerosi interventi in una presenza costante nella nostra drammatica vicenda, della quale conserviamo abbondante documentazione. Lei ha ritenuto, onorevole sottosegretario, di esprimere giudizi, fare valutazioni, dare consigli alle parti processuali, fino addirittura a farsi portatore di verità - si sottolinea - Io rispetto l'autorità che lei rappresenta onorevole ma vorrei tanto dire a lei ed al suo Presidente che il mio rispetto per le vostre funzioni è assoluto". "Ma altrettanto assoluto è la mia convinzione che la magistratura debba essere lasciata indipendente dall'esercizio del vostro potere. Tutti possono esprimere pareri, opinioni e prese di posizioni, ma Lei fa ben altro, onorevole. Esprime dall'alto della sua posizione, verità(presunte) e consigli che percepisco come pesanti interferenze sul processo in corso. Di fronte a questo io, normale cittadina, non ho difesa. Mio fratello caro Onorevole sottosegretario, era stato tossicodipendente ma non era un 'drogato anoressico larva zombie', e non è morto per questo". "Zombie ci è diventato per colpa di quello stato che lei rappresenta. Su questo Onorevole Sottosegretario io le chiedo di poter avere con Lei un pubblico confronto. Riguardo alla Sua presunta intenzione di costituirsi parte civile nel processo, le chiedo a nome mio e della mia famiglia già così duramente provata, di lasciar perdere. Ci lasci in pace anche se per noi pace è una parola ormai sconosciuta. Grazie".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cybercrime
Cybercrime, Giulio e Francesca Occhionero restano in carcere
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ricerca, tartaruga gigante ultimo pasto di squalo del Mesozoico
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate