martedì 28 febbraio | 06:30
pubblicato il 01/giu/2011 16:02

Crotone, pizzo per gestire lavanderia clinica Sant'Anna: 3 fermi

I tre fermati sono legati alla cosca Megna

Crotone, pizzo per gestire lavanderia clinica Sant'Anna: 3 fermi

Pizzo per continuare a gestire la lavanderia clinica Sant'Anna Hospital di Crotone. La vittima un'azienda di Catanzaro; tre i fermi di persone legate alla cosca Megna, come spiega Rodolfo Ruperti, capo della squadra mobile di Catanzaro.I tre fermati, fra cui c'è anche un infermiere della clinica San'Anna, avevano contattato prima alcuni dipendenti della ditta Impremed, che si occupa del lavaggio e del trasporto della biancheria, fermando uno dei furgoni per strada. Poi gli estorsori si sono rivolti direttamente ai titolari della società a cui era stato chiesto di pagare 6mila euro da dividere in tre rate per continuare a lavorare a Crotone. Gli inquirenti, fra loro il procuratore capo della Dda di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo, hanno sottolineato l'importanza per l'accelerazione delle indagini della denuncia dell'azienda vittima della tentata estorsione.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech