venerdì 24 febbraio | 22:54
pubblicato il 20/gen/2012 18:10

Crotone, muore dopo parto cesareo aperta inchiesta sul decesso

Polemiche sulla sanità calabrese, il bimbo sta bene

Crotone, muore dopo parto cesareo aperta inchiesta sul decesso

Crotone (askanews) - Un errore o una drammatica fatalità, la Procura di Crotone ha aperto un'inchiesta dopo la morte di una diciannovenne a seguito di un parto cesareo a Crotone. Jessica Rita Spina, ha tenuto fra le braccia il bimbo che aveva appena partorito solo per un minuto, poi la ragazza ha avvertito dei malori ed era stata trasferita in rianimazione dove è morta dopo 24 ore forse per embolia polmonare. Il bimbo invece sta bene. Il direttore sanitario dell'Ospedale San Giovanni di Dio difende la struttura.I familiari della ragazza hanno presentato una denuncia per chiedere che vengano accertate le cause del decesso. Cresce intanto la polemica sulla malasanità. A Reggio Calabria il 65% delle donne vengono sottoposte a parto cesareo, mentre l'Organizzazione mondiale della sanità sostiene che la media dovrebbe arrivare al 13,7%.

Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech