giovedì 23 febbraio | 06:59
pubblicato il 12/ott/2011 19:04

Crotone, le mamme contro tagli reparto neonatologia dell'ospedale

Sit-in al San Giovanni di Dio, a rischio terapia intensiva

Crotone, le mamme contro tagli reparto neonatologia dell'ospedale

In piazza con cartelli e slogan per ribadire il no ai tagli nel reparto terapia intensiva di neonatologia dell'ospedale San Giovanni di Dio di Crotone. Le mamme della città calabrese, riunite nell'associazione "Cicogna Veloce" che si occupa dei bambini prematuri, sono tornare in piazza in difesa del reparto colpito dalle disposizioni dell'Azienda sanitaria provincia. Katia Tomaino è rappresentante dell'associazione.Colpire questi reparti, denuncia l'associazione, significa tornare indietro di anni.La richiesta è quella di rivedere il piano sanitario: secondo le mamme crotonesi sono insufficienti i due posti previsti dal piano per un settore così delicato. Alla protesta ha aderito anche l'associazione Articolo 32. Una difesa del reparto era arrivata, nei giorni scorsi, anche dall'arcivescovo di Crotone e Santa Severina monsignor Domenico Graziani.

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech