sabato 03 dicembre | 06:07
pubblicato il 12/ott/2011 19:04

Crotone, le mamme contro tagli reparto neonatologia dell'ospedale

Sit-in al San Giovanni di Dio, a rischio terapia intensiva

Crotone, le mamme contro tagli reparto neonatologia dell'ospedale

In piazza con cartelli e slogan per ribadire il no ai tagli nel reparto terapia intensiva di neonatologia dell'ospedale San Giovanni di Dio di Crotone. Le mamme della città calabrese, riunite nell'associazione "Cicogna Veloce" che si occupa dei bambini prematuri, sono tornare in piazza in difesa del reparto colpito dalle disposizioni dell'Azienda sanitaria provincia. Katia Tomaino è rappresentante dell'associazione.Colpire questi reparti, denuncia l'associazione, significa tornare indietro di anni.La richiesta è quella di rivedere il piano sanitario: secondo le mamme crotonesi sono insufficienti i due posti previsti dal piano per un settore così delicato. Alla protesta ha aderito anche l'associazione Articolo 32. Una difesa del reparto era arrivata, nei giorni scorsi, anche dall'arcivescovo di Crotone e Santa Severina monsignor Domenico Graziani.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari