mercoledì 22 febbraio | 00:50
pubblicato il 06/ott/2011 20:25

Crollo Barletta, nove indagati per disastro e omicidio colposo

Tecnici comunali e imprenditori nel mirino della Procura

Crollo Barletta, nove indagati per disastro e omicidio colposo

BARLETTA, 6 ott. (askanews) - E' calato il silenzio a Barletta, dopo i funerali delle cinque vittime del crollo di via Roma. La città sembra immobile. Al contrario del lavoro frenetico degli inquirenti che procede spedito. A tre giorni dalla tragedia, già nove persone sono state iscritte nel registro degli indagati. Il pm inquirente della Procura di Trani, Giuseppe Maralfa, ipotizza i reati di disastro e omicidio colposo per la morte delle quattro operaie e della ragazzina di 14 anni, figlia dei titolari dell'opificio, nello scantinato del palazzo crollato. Gli indagati sarebbero tecnici comunali e rappresentanti dell'impresa che faceva lavori nella zona. Sotto accusa la decisione di demolire lo stabile adiacente a quello crollato. "Sì, sono stato interrogato dal procuratore capo, ma parlerò fra 15 giorni: ora resto in silenzio". Questo ha detto Rosario Palitessa, l'ingegnere del Comune di Barletta che fece il sopralluogo nella palazzina poi crollata insieme con altri tecnici e quattro vigili del fuoco venerdì scorso. Nella ricerca della verità, l'inchiesta segna un primo punto fermo. Il palazzo è crollato appunto a causa dei lavori che lunedì mattina sono stati effettuati nella struttura collegata: abbattere lo stabile significava mettere in pericolo quelli confinanti. Qualcuno aveva segnalato il pericolo, con una serie di ricorsi ai tribunali amministrativi , dicendo che quel "piano di recupero" era illegittimo e pericoloso, ma l'allarme è andato inascoltato. Polizia e carabinieri stanno raccogliendo informazioni sui risultati del sopralluogo fatto venerdì 30 settembre scorso nello stabile crollato. E'stata anche sequestrata la documentazione relativa alle autorizzazioni ottenute nel tempo per svolgere i lavori di demolizioni propedeutici alla costruzione del nuovo manufatto da parte del proprietario dell'area e dell'impresa edile alla quale erano stati affidati i lavori. La Guardia di finanza, dal canto suo, sta acquisendo notizie sull'attività del maglificio, per verificare la sussistenza dei requisiti previsti dalla normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro e dalla regolarità delle assunzioni. Come hanno denunciato i parenti delle vittime, le donne lavoravano in nero per 4 euro l'ora.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia