lunedì 16 gennaio | 18:19
pubblicato il 11/ott/2011 19:37

Crollo Barletta/ Il sindaco Maffei: ora verità e giustizia

Il lavoro nero "da condannare, ma non da criminalizzare"

Crollo Barletta/ Il sindaco Maffei: ora verità e giustizia

Roma, 11 ott. (askanews) - Il sindaco di Barletta, Nicola Maffei, chiede "verità e giustizia" per le vittime del crollo della palazzina, costato la vita a 5 persone, quattro operaie e la figlia 14enne dei proprietari del piccolo opificio che si trovava nello scantinato dello stabile crollato. "I familiari delle vittime adesso chiedono che sia stabilita la verità, che ci sia giustizia. E lo chiede tutta la città di Barletta", sottolinea Maffei, che è in continuo contatto con i familiari delle vittime: "Il loro dolore, la loro rabbia - afferma - sono affiancati da una compostezza che tutti dovremmo prendere a esempio". Il sindaco, in un'intervista al sito dell'Anci, ricorda che "è nato tutto da un intervento di recupero urbano, che a sua volta ha reso necessario intervenire sull'edificio poi crollato. Pare che in quest'ultimo intervento siano state rimosse parti della struttura, generando la preoccupazione dei residenti, i quali hanno avvertito il Comune il 30 settembre. I tecnici comunali non hanno prodotto atti, il che vuol dire che probabilmente non fu accertato pericolo. Da quel giorno in poi bisogna capire cosa sia successo, e spetta solo alla magistratura indagare". Riguardo alle polemiche sul lavoro nero, "ho protestato - spiega Maffei - innanzitutto perché non mi sembrava corretto spostare l'attenzione da quella tragedia umana della morte di 5 persone. Ma non ho detto che il lavoro nero non vada condannato. Ho detto che di certo il datore di lavoro, in questo caso, non deve essere criminalizzato. Invece è passato un messaggio per cui Barletta sarebbe una specie di patria del lavoro nero, con la legittimatazione di questa pratica da parte del sindaco. Niente di più lontano dalla verità". Ma - prosegue il sindaco - "non mi sento di condannare madri di famiglia che scelgono di lavorare a quelle condizioni piuttosto che vendere il proprio corpo per strada o rubare, né di criminalizzare una persona che comunque procurava lavoro e non sfruttava quelle donne". Perché il problema è più profondo: "Nel momento in cui il governo nazionale non assicura momenti di crescita e sviluppo per il Paese - sottolinea Maffei - come fanno a sopravvivere quelle famiglie che non possiedono alcuna fonte di reddito? Abbiamo perso nella nostra città 15 mila posti di lavoro in pochi anni. E' per questo che c'è chi si adopera per contenere il prezzo dei prodotti finali ed essere competitivo. C'è chi lo fa solo per sfruttare la manodopera a basso costo, e costoro vanno condannati senza indugio. Ma c'è anche chi lo fa guadagnando poco più dei suoi operai: anche costoro vanno condannati se utilizzano lavoro nero, ma di certo non vanno criminalizzati". "Barletta - conclude - non è la patria del lavoro nero. E' semmai lo specchio di un Paese che ha gli stessi problemi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello