sabato 10 dicembre | 16:29
pubblicato il 14/nov/2012 14:01

Crisi/ Torino, 2 manifestanti fermati, 1 poliziotto ferito

Occupato anche dai no Tav Palazzo Cisterna

Crisi/ Torino, 2 manifestanti fermati, 1 poliziotto ferito

Torino, 14 nov. (askanews) - Mattinata di tensioni a Torino con due manifestanti fermati e un ferito tra le forze dell'ordine. un primo bilancio del corteo degli studenti che si tenuto oggi in occasione dello sciopero europeo contro l'austerity. Secondo la ricostruzione della Questura, l'agente ferito è stato aggredito da un gruppo di antagonisti che non hanno partecipato al corteo ma si sono trovati in via Cavalli, all'altezza del cantiere del grattacielo Intesa Sanpaolo, obiettivo dei manifestanti. Il poliziotto è stato colpito con manici di piccone e con una mazza da baseball e ha riportato la rottura del casco. L'uomo è stato accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale Mauriziano dove si trova tuttora per le cure del caso. E proprio davanti al cantiere del grattacielo di Intesa Sanpaolo si sono verificati momenti di tensione tra studenti e forze dell'ordine. Prima i manifestanti hanno fatto un blitz nel cantiere, vandalizzando i bagni chimici e le finestre del container, poi quando hanno realizzato che non avrebbero potuto dare la scalata al grattacielo in costruzione si sono diretti in via Cavalli. Qui le forze dell'ordine h anno respinto i manifestanti lanciando lacrimogeni, ma non sono mancati anche alcuni brevi momenti di scontro. Dopo l'intervento degli agenti in assetto antisommossa, sono state danneggiate alcune auto in sosta in via Cavalli, che è stata abbandonata dai manifestanti non prima di aver lasciato a terra cassonetti, bottiglie e altre masserizie. Poco prima dal corteo si era staccato un gruppo di studenti per fare irruzione nella sede provinciale del ministero dell'Economia e delle finanze in corso Bolzano a Torino. Qui tra lancio di petardi, fumogeni e uova, gli studenti sono riusciti a portare via due scrivanie e alcuni faldoni dal pianoterra dell'edificio e successivamente hanno accesso un falò davanti al palazzo. Più avanti imbrattati anche i muri dell'Agenzia delle entrate con la scritta in rosso "usurai e strozzini" e con lancio di uova. In migliaia tra studenti e alcuni insegnanti hanno sfilato poi ancora per le vie del centro di Torino. Nel frattempo un gruppo di un centinaio di persone a volto coperto armati di bastoni e fumogeni ha fatto irruzione a Palazzo Cisterna, sede della Provincia di Torino. Secondo la ricostruzione fatta dalla Provincia si è trattato di no Tav che hanno anche distrutto alcuni arredi negli uffici di via Maria Vittoria e issato sui balconi dell'edificio, al posto delle bandiere istituzionali, striscioni no Tav. "Un attacco pianificato, studiato a tavolino, un'intimidazione che ritengo gravissima", ha commentato a caldo il presidente della Provincia Antonio Saitta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina