domenica 04 dicembre | 23:46
pubblicato il 28/mag/2012 05:10

Crisi/ Sucida a Cagliari imprenditore oppresso dai troppi debiti

Si spara dopo che il fratello aveva impedito ammazzarsi con gas

Crisi/ Sucida a Cagliari imprenditore oppresso dai troppi debiti

Roma, 28 mag. (askanews) - Ermanno Gravellino, 73 anni, imprenditore sardo molto noto a Cagliari e nel Sulcis, si è suicidato per la disperazione di non poter ripagare molti debiti che lo opprimevano da tempo. L'uomo aveva inizialmente tentato di suicidarsi aprendo la bombola del gas, chiudendo a chiave la stanza del suo appartamento di via Tuveri, a Cagliari. Salvato dal fratello, poco dopo si è tolto la vita sparandosi con una pistola. Sul posto è intervenuta la polizia. Nato a Selargius, l'imprenditore aveva un'azienda, la Edilforniture, che aveva molte commesse nel Sulcis, in particolare a Portovesme.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari