giovedì 19 gennaio | 04:09
pubblicato il 28/mag/2012 05:10

Crisi/ Sucida a Cagliari imprenditore oppresso dai troppi debiti

Si spara dopo che il fratello aveva impedito ammazzarsi con gas

Crisi/ Sucida a Cagliari imprenditore oppresso dai troppi debiti

Roma, 28 mag. (askanews) - Ermanno Gravellino, 73 anni, imprenditore sardo molto noto a Cagliari e nel Sulcis, si è suicidato per la disperazione di non poter ripagare molti debiti che lo opprimevano da tempo. L'uomo aveva inizialmente tentato di suicidarsi aprendo la bombola del gas, chiudendo a chiave la stanza del suo appartamento di via Tuveri, a Cagliari. Salvato dal fratello, poco dopo si è tolto la vita sparandosi con una pistola. Sul posto è intervenuta la polizia. Nato a Selargius, l'imprenditore aveva un'azienda, la Edilforniture, che aveva molte commesse nel Sulcis, in particolare a Portovesme.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina