giovedì 08 dicembre | 15:43
pubblicato il 10/mag/2012 17:00

Crisi/ Imprenditore si suicida in parcheggio santuario Pompei

Ha lasciato tre lettere, una di accuse ad Equitalia

Crisi/ Imprenditore si suicida in parcheggio santuario Pompei

Napoli, 10 mag. (askanews) - Un imprenditore di 63 anni si è ucciso sparandosi un colpo alla testa nel parcheggio del santuario di Pompei, in provincia di Napoli. Arcangelo Arpino, di Vico Equense, titolare di una impresa edile, si è tolto la vita esplodendo un colpo di pistola calibro 7.65 legalmente detenuta. Il 63nne ha lasciato tre lettere: una di scuse ai propri familiari, un'altra in cui parla dei suoi problemi economici, e una terza di accuse contro Equitalia. Sembra, infatti, che l'imprenditore avesse ricevuto delle cartelle esattoriali. Sul fatto stanno indagando i carabinieri chiamati anche ad indagare se realmente il suicida avesse problemi economici e debiti con l'Agenzia delle entrate.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni