lunedì 16 gennaio | 17:05
pubblicato il 04/set/2013 10:19

Crisi: Coldiretti, prezzo latte a record storico ma allevatori beffati

Crisi: Coldiretti, prezzo latte a record storico ma allevatori beffati

(ASCA) - Roma, 4 set - Il prezzo del latte italiano alla stalla ha raggiunto a settembre il massimo storico di sempre toccando, nell'ultima quotazione 'spot' alla borsa di Verona, i 51,3 centesimi al litro. Lo rende noto la Coldiretti sottolineando che il valore registrato rappresenta un riferimento per tutte le principali regioni produttrici dove sono attesi i necessari adeguamenti.

''Si tratta del valore massimo mai registrato per il latte italiano con un aumento - sottolinea la Coldiretti - del 22% rispetto allo scorso anno. L'andamento crescente delle quotazioni e' stato determinato a livello internazionale dalla scarsita' dell'offerta nei principali Paesi produttori che ha condizionato le importazioni in Italia dove peraltro - precisa la Coldiretti - e' in calo il latte raccolto''.

''L'andamento delle quotazioni sta garantendo ingiustificate rendite speculative alle industrie di trasformazione che hanno firmato un accordo 'truffa' per il semestre agosto 2013 - gennaio 2014 per un prezzo alla stalla di 0,42 euro/litro in Lombardia, che con responsabilita' non e' stato accettato dalla Coldiretti. Un guadagno ingiustificato per l'industria a danno degli allevatori che - sostiene la Coldiretti - sono costretti ad affrontare un aumento stellare dei costi energetici e dell'alimentazione del bestiame che ha fatto chiudere le stalle''.

Coldiretti rende noto che dall'inizio della crisi nel 2007 ad oggi hanno chiuso in Italia oltre seimila allevamenti con la produzione di latte che nei circa 39mila allevamenti rimasti nei primi sei mesi del 2013 si e' ridotta in media di oltre il 3% rispetto allo scorso anno, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Agea, ma e' possibile che il deficit possa ulteriormente aggravarsi. Il taglio della produzione - conclude la Coldiretti - e' stato del 2,45%, in Lombardia, 2,15% in Emilia Romagna, del 2,73% in Piemonte, del 5,86% in Friuli, del 4,70 in Veneto, del 7,86% nel Lazio, del 5,40% in Puglia, del 4,89% in Campania e del -4,76% in Sardegna, con il record negativo fatto segnare nelle Marche (-10,32%). red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow