giovedì 08 dicembre | 04:02
pubblicato il 08/ago/2012 05:10

Crisi/ Coldiretti: Prezzi in aumento del 30% per taglio raccolti

In Italia perdite per mezzo miliardo di euro

Crisi/ Coldiretti: Prezzi in aumento del 30% per taglio raccolti

Roma, 8 ago. (askanews) - La crisi contagia l'alimentare con il caldo e la siccità che tagliano i raccolti mondiali e provocano aumenti superiori al 30 per cento per i prezzi del grano destinato a produrre il pane e per le quotazioni di soia e mais necessari a nutrire gli animali per produrre latte e carne, dall'inizio dell'anno. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base delle quotazioni al Chicago Board of Trade, punto di riferimento o del mercato a livello internazionale, dove il grano oscilla attorno ai 9 dollari per bushel, il mais a 9 dollari per bushel e la soia a 16 dollari per bushel, per consegne a settembre. Una situazione che - sottolinea la Coldiretti - ostacola la ripresa del Pil anche in Italia che è dipendente dall'estero per quasi un terzo delle materie prime agricole che consuma, come evidenziato dall'Istat. L'andamento dei prezzi delle materie prime agricole sta provocando - sostiene la Coldiretti - effetti sui mercati internazionali dove con i rincari si prospetta una ripresa dell'inflazione ma è allarme anche per il commercio internazionale con il rischio di mancata consegna delle forniture con effetti drammatici - precisa la Coldiretti - sul piano della disponibilità di cibo nei paesi poveri e della sicurezza sociale in paesi come la Libia o l'Egitto che sono forti importatori di grano e si teme il ritorno della guerra del pane. L'aumento dei prezzi è giustificato sul piano congiunturale - continua la Coldiretti - dal clima che ha colpito con il caldo e la siccità la "Corn Belt" nel Midwest degli Stati Uniti ma un calo dei raccolti è previsto anche in Russia nella zona del mar Nero per le alluvioni ed in Ucraina. In Italia si contano perdite per mezzo miliardo di euro con il caldo e la siccita' che hanno gia' tagliato i raccolti, facendo registrare cali che a livello nazionale vanno dal -20 per cento per il pomodoro al 30 per cento per il mais fino al 40 per cento per la soia ma forti riduzioni sono previste per la barbabietola da zucchero con quasi il dimezzamento della produzione nelle regioni del Nord e per il girasole (-20 per cento).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni