martedì 28 febbraio | 02:34
pubblicato il 09/apr/2013 11:39

Crisi: Coldiretti, colpisce 1 famiglia su 4. Crolla potere d'acquisto

(ASCA) - Roma, 9 apr - Il crollo record del potere di acquisto del 4,8 per cento che si e' verificato nel 2012 ha messo in difficolta' economiche quasi una famiglia su quattro (24 per cento), ma la situazione e' destinata addirittura a peggiorare per quasi la meta' degli italiani (48 per cento).

E' quanto emerge da una analisi Coldiretti-Swg in riferimento ai dati sul Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle societa' relativi al 2012 divulgati dall'Istat. Il 51 per cento delle famiglie - sottolinea la Coldiretti - dichiara di riuscire a pagare appena le spese senza potersi permettere ulteriori lussi, mentre una percentuale dell'8 per cento non ha un reddito sufficiente nemmeno per l'indispensabile. C'e' pero' anche un 40 per cento di italiani che vive serenamente senza particolari affanni economici e l'1 per cento che si puo' concedere dei lussi. Le difficolta' familiari - sostiene la Coldiretti - si trasferiscono nei consumi ed hanno anche toccato la spesa alimentare in calo del 2 per cento nel 2012 La situazione e' peggiorata nell'anno in corso con il crollo della spesa anche per i prodotti base dell'alimentazione con un taglio dei consumi in quantita' del 4,2 per cento della frutta, del 3 per cento per gli ortaggi mentre si registra un calo delle macellazioni delle carni del 7 per cento, nei primi due mesi dell'anno. A diminuire in quantita' sono stati anche gli acquisti familiari di grana padano del 7,5 per cento e parmigiano reggiano del 3,3 per cento anche per la concorrenza dei similgrana con minori garanzie qualitative ma venduti a basso costo. A variare non e' stato quindi solo il menu ma anche il livello qualitativo dei prodotti acquistati con un preoccupante forte aumento della presenza di cibi low cost che non sempre sono in grado di garantire standard di qualita' e sicurezza elevati. Ma con la crisi in un anno - conclude la Coldiretti - e' anche praticamente raddoppiata al 12,3 per cento la percentuale di italiani che dichiara di non poter approntare un pasto adeguato in termini di apporto proteico ogni due giorni. com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech