domenica 11 dicembre | 06:02
pubblicato il 22/ott/2013 12:25

Crisi: Banco farmaceutico, a Roma in 6 anni poverta' sanitaria +503%

(ASCA) - Roma, 22 ott - Cresce in maniera esponenziale, a Roma, la richiesta di medicinali gratuiti, raccolti dal Banco Farmaceutico e distribuiti dalle realta' che si occupano di assistere le fasce sociali piu' deboli. In sei anni (2006-2013) il fabbisogno e' aumentato addirittura del 503%, passando dai 5.800 del 2006 ai 35 mila di quest'anno (dati a luglio 2013). Un dato che testimonia come per le realta' sociali in difficolta', soprattutto le famiglie che prima erano benestanti, anche l'accesso ai farmaci e' divenuto un problema. Il grido di allarme sulla Capitale arriva dalla Fondazione Banco Farmaceutico onlus in un'intervista rilasciata al giornale on line Roma Sociale. Dalle percentuali illustrate, frutto della domanda intercettata dal Banco Farmaceutico, la Capitale risulta una delle grandi aree metropolitane con il maggiore incremento percentuale del disagio economico che porta all'impossibilita' di potere acquistare i farmaci. Dai dati del Banco Farmaceutico risulta che nel Centro Italia l'incremento della poverta' sanitaria e' stato in sei anni del 476 % valore piu' basso rispetto a Roma. Le richieste di ''sostegno farmaceutico'' arrivano, dunque, da realta' assistenziali convenzionate con il Banco Farmaceutico come, ad esempio, la Croce Rossa, sede locale, e la Comunita' di Sant'Egidio che vanno ad aggiungersi a realta' di assistenza molto significative sul territorio: lo storico ambulatorio della Caritas di via Marsala, (punto di riferimento insostituibile per l'assistenza sanitaria e farmaceutica dei poveri della citta' e al quale da sempre viene coperto il fabbisogno farmaceutico di farmaci da banco), il Centro Astalli per l'accoglienza dei rifugiati, l'Istituto di Medicina Solidale che opera in uno dei quartieri piu' problematici (Torre Bella Monaca), fino ad enti e associazioni piu' propriamente dedicati ai nuclei familiari in situazioni di fragilita', come le tante case di accoglienza per mamme sole con bambini o padri separati , per bimbi stranieri affetti da gravi patologie in Italia per curarsi, per il recupero di minori e adolescenti problematici o ricoveri per persone senza fissa dimora. Grazie alla raccolta del Banco Farmaceutico, che si tiene nel mese di febbraio di ogni anno, vengono accumulati i farmaci, donati dai cittadini romani, che in base alle richieste vengono assegnati alle diverse associazioni. Quest'anno su un fabbisogno di 35.000 farmaci la raccolta ne ha forniti 15 mila, mentre dalle donazioni pervenute dalle aziende sono stati distribuiti ulteriori 5.594 confezioni alle realta' che ne avevano fatto richiesta per un totale di 20.594 farmaci.

Accanto alla crescita della richiesta di farmaci gratuiti aumenta pero' anche la solidarieta'. Infatti dal 2006 ad oggi la donazione dei farmaci a Roma e' aumentata del 275,3% passando dai 3997 a 15.000.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina