giovedì 19 gennaio | 05:47
pubblicato il 22/ott/2013 12:25

Crisi: Banco farmaceutico, a Roma in 6 anni poverta' sanitaria +503%

(ASCA) - Roma, 22 ott - Cresce in maniera esponenziale, a Roma, la richiesta di medicinali gratuiti, raccolti dal Banco Farmaceutico e distribuiti dalle realta' che si occupano di assistere le fasce sociali piu' deboli. In sei anni (2006-2013) il fabbisogno e' aumentato addirittura del 503%, passando dai 5.800 del 2006 ai 35 mila di quest'anno (dati a luglio 2013). Un dato che testimonia come per le realta' sociali in difficolta', soprattutto le famiglie che prima erano benestanti, anche l'accesso ai farmaci e' divenuto un problema. Il grido di allarme sulla Capitale arriva dalla Fondazione Banco Farmaceutico onlus in un'intervista rilasciata al giornale on line Roma Sociale. Dalle percentuali illustrate, frutto della domanda intercettata dal Banco Farmaceutico, la Capitale risulta una delle grandi aree metropolitane con il maggiore incremento percentuale del disagio economico che porta all'impossibilita' di potere acquistare i farmaci. Dai dati del Banco Farmaceutico risulta che nel Centro Italia l'incremento della poverta' sanitaria e' stato in sei anni del 476 % valore piu' basso rispetto a Roma. Le richieste di ''sostegno farmaceutico'' arrivano, dunque, da realta' assistenziali convenzionate con il Banco Farmaceutico come, ad esempio, la Croce Rossa, sede locale, e la Comunita' di Sant'Egidio che vanno ad aggiungersi a realta' di assistenza molto significative sul territorio: lo storico ambulatorio della Caritas di via Marsala, (punto di riferimento insostituibile per l'assistenza sanitaria e farmaceutica dei poveri della citta' e al quale da sempre viene coperto il fabbisogno farmaceutico di farmaci da banco), il Centro Astalli per l'accoglienza dei rifugiati, l'Istituto di Medicina Solidale che opera in uno dei quartieri piu' problematici (Torre Bella Monaca), fino ad enti e associazioni piu' propriamente dedicati ai nuclei familiari in situazioni di fragilita', come le tante case di accoglienza per mamme sole con bambini o padri separati , per bimbi stranieri affetti da gravi patologie in Italia per curarsi, per il recupero di minori e adolescenti problematici o ricoveri per persone senza fissa dimora. Grazie alla raccolta del Banco Farmaceutico, che si tiene nel mese di febbraio di ogni anno, vengono accumulati i farmaci, donati dai cittadini romani, che in base alle richieste vengono assegnati alle diverse associazioni. Quest'anno su un fabbisogno di 35.000 farmaci la raccolta ne ha forniti 15 mila, mentre dalle donazioni pervenute dalle aziende sono stati distribuiti ulteriori 5.594 confezioni alle realta' che ne avevano fatto richiesta per un totale di 20.594 farmaci.

Accanto alla crescita della richiesta di farmaci gratuiti aumenta pero' anche la solidarieta'. Infatti dal 2006 ad oggi la donazione dei farmaci a Roma e' aumentata del 275,3% passando dai 3997 a 15.000.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina