venerdì 02 dicembre | 21:20
pubblicato il 20/mag/2013 17:00

Crisi: Bagnasco, Italia tra poverta' e angoscia. Priorita' e' lavoro

(ASCA) - Roma, 20 mag - ''Abbiamo il dovere di dare voce alle preoccupazioni crescenti e al disagio sociale diffuso, alla moltitudine di giovani che non trovano lavoro, a quanti, anche avanti negli anni ma senza possibilita' di pensione, l'hanno perso, a quanti sono in ambascia per l'incertezza del domani, a coloro che oggi sono scesi al livello della poverta' e a volte dell'angoscia''. Lo ha affermato il presidente della Conferenza episcopale italiana, card. Angelo Bagnasco, nella prolusione di apertura dei lavori della 65.ma Assemblea generale della Cei fotografando l'attuale condizione in cui si trova l'Italia.

''C'e' da chiedersi - ha aggiunto il card. Bagnasco - qual e' la lama piu' dolorosa nella carne della gente'? Quella che chiede interventi immediati ed efficaci perche' ogni giorno e' in gioco il giorno dopo'? Il lavoro, diceva recentemente il Santo Padre, e' un elemento fondamentale per la dignita' di una persona. Il lavoro, per usare un'immagine, ci ''unge' di dignita', ci riempie di dignita''''.

Affinche' il lavoro veramente ''unga'' di dignita' ogni lavoratore, ha sottolineato il presidente della Cei, ''non deve diventare, quando c'e', talmente invasivo da impedire sia il necessario riposo fisico e spirituale, sia la possibilita' di coltivare i rapporti con gli altri, tenendo conto che i primi rapporti sono quelli della famiglia. E' del tutto evidente che il lavoro domenicale impedisce che la famiglia si ritrovi unita in un tempo disteso e comune da dedicare a se stessa, agli altri e, se credente, a Dio e alla comunita' cristiana. Considerare cio' di poco conto, magari con la giustificazione di lasciare il lavoro festivo come un'opzione, significa sottomettere la persona all'economia, senza peraltro evidenti vantaggi, con danni incalcolabili per la tenuta della societa' intera''. Le statistiche pubbliche sul lavoro e l'occupazione, ha ricordato il card. Bagnasco, ''sono eloquenti e non ammettono repliche'' e come emerge nel recente Rapporto-proposta sul lavoro della Cei, ''siamo convinti che e' possibile superare la crisi con un forte e deciso piano industriale che, tenendo in casa il patrimonio e la professionalita' italiana, rilanci con tenacia la produzione nazionale insieme alla necessaria attenzione finanziaria''. dab/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari