venerdì 09 dicembre | 20:51
pubblicato il 21/gen/2012 12:46

Costa Concordia, sull'Isola del Giglio i curiosi della tragedia

La presidente della Pro Loco: evitare il disastro ecologico

Costa Concordia, sull'Isola del Giglio i curiosi della tragedia

Isola del Giglio (askanews) - La tragedia della Costa Concordia, naufragata davanti all'Isola del Giglio, sta attirando nella località toscana anche numerosi "curiosi", che vengono per vedere il dramma con i proprio occhi, non senza una certa morbosità. A denunciare la situazione la presidente della Pro Loco, Samatha Brizzi. "Ci sono dei curiosi che vengono per vedere la tragedia - ha spiegato Brizzi - ma noi speriamo che la gente venga qui per le bellezze dell'isola". La signora Brizzi, poi, parla anche dell'ipotesi che il relitto resti a lungo incagliato davanti all'Isola."Se la nave dovesse anche restare qui davanti per dei mesi andrebbe bene, purché si scongiuri il disastro ecologico".Intanto, mentre nella Costa Concordia proseguono le ricerche dei dispersi, sono stati ritrovati i video di bordo che potrebbero aiutare a fare chiarezza su cosa è effettivamente successo sulla nave al momento dell'impatto.

Gli articoli più letti
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina