domenica 26 febbraio | 15:50
pubblicato il 20/gen/2012 20:13

Costa Concordia, sposina dispersa, la famiglia: abbiamo fiducia

Parla il legale della famiglia di Maria D'Introno

Costa Concordia, sposina dispersa, la famiglia: abbiamo fiducia

Orbetello (askanews) - "Assolute fiducia nelle ricerche". A parlare è l'avvocato Cristina Botti, legale della famiglia di Maria d'Introno, la sposina 30enne di Biella, dispersa in seguito al naufragio della Costa Concordia nelle acque dell'isola del Giglio. La giovane era in crociera con i suoi genitori e con il marito Vincenzo Rosselli. Quando la nave si è arenata sugli scogli il gruppo si è buttato in mare nel tentativo di raggiungere la riva a nuoto anche se Maria non sapeva nuotare. Una circostanza che riduce al minimo nei familiari la speranza che la giovane sia ancora in vita. Per quanto riguarda le richieste di risarcimento della famiglia D'Introno in seguito al naufragio della Concordia, l'avvocato Botti ha ribadito che tutto è ancora prematuro e che l'unica cosa che ora interessa e avere notizie di Maria, qualunque esse siano.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech