giovedì 19 gennaio | 05:58
pubblicato il 06/set/2013 17:48

Costa Concordia: ok a raddrizzamento, operazione al via dopo il 16/9

Costa Concordia: ok a raddrizzamento, operazione al via dopo il 16/9

(ASCA) - Firenze, 6 set - Parere positivo alle operazioni di rimessa in asse del relitto della Costa Concordia nel mese di settembre. E' questo l'esito della riunione convocata dal Commissario delegato per l'emergenza, Franco Gabrielli, a Roma presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile, alla quale hanno partecipato i rappresentanti del Comitato consultivo, dell'Osservatorio, del consorzio Micoperi-Titan e della societa' Costa Crociere.

Il via libera definitivo all'avvio della fase di rotazione del relitto, spiega una nota, rimane subordinato alla consegna di tutti i certificati di collaudo delle strutture ultimate e al completamento delle attivita' propedeutiche all'operazione di parbuckling. Tutto cio' dovrebbe avvenire entro la prossima settimana; da quella data, appena le condizioni meteo marine lo consentiranno, iniziera' l'operazione di raddrizzamento. Indicativamente, secondo quanto si apprende da fonti presenti alla riunione, la 'finestra' individuata va dal 16 al 20 settembre.

Le amministrazioni e i soggetti intervenuti, si legge nella nota della Protezione civile, hanno formulato, ognuna per il proprio ambito di competenza, prescrizioni e raccomandazioni che le societa' incaricate dovranno necessariamente rispettare nel corso del cosiddetto parbuckling e che sono state integrate nella documentazione finale. Nel corso dei mesi sono stati valutati i vari ipotizzabili rischi legati al parbuckling e sono state definite le diverse misure di mitigazione degli stessi. E' stato fatto un preciso lavoro di comparazione tra il rischio che la nave correrebbe a rimanere in asse per tutto l'inverno, esposta alle immaginabili condizioni meteorologiche avverse, rispetto a quello di passare lo stesso periodo adagiata nella posizione in cui si trova ora, giungendo alla conclusione che la prima ipotesi sia preferibile alla seconda: infatti, dopo un altro periodo invernale trascorso in una posizione innaturale, non si avrebbe la certezza di riuscire a rimettere il relitto in asse nel corso della prossima primavera. E' stato, infine, condiviso un corposo documento per la gestione delle acque interne, e da inizio agosto sta proseguendo il lavoro preventivo di 'bonifica' del materiale liquido da alcune parti accessibili della nave.

Nel corso della prossima settimana e' previsto un incontro sull'isola con il Prefetto Gabrielli, il sindaco, la Presidente dell'Osservatorio di monitoraggio, i referenti del consorzio Micoperi-Titan e di Costa Crociere. Nei giorni immediatamente successivi verra' convocata una conferenza stampa, per dare conto agli organi di informazione della presumibile data di inizio delle operazioni - al momento ancora non certa -, del dettaglio di queste ultime e delle indicazioni logistiche necessarie per poter lavorare correttamente, senza intralciare le operazioni di parbuckling e delle strutture operative del sistema di protezione civile presenti su Isola del Giglio.

afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina