sabato 03 dicembre | 23:29
pubblicato il 16/set/2013 20:58

Costa Concordia: notte di lavoro al Giglio. ''Rialzata entro l'alba''

Costa Concordia: notte di lavoro al Giglio. ''Rialzata entro l'alba''

(ASCA) - Isola del Giglio (Gr), 16 set - I tecnici impegnati nella rotazione della Costa Concordia lavoreranno tutta la notte con l'obiettivo di riportare il relitto in posizione verticale prima dell'alba. L'operazione, secondo quanto riferito, procede bene, ma con tempi significativamente piu' lunghi rispetto alle dodici ore previste inizialmente. I lavori sono iniziati con tre ore di ritardo, alle 9 invece che alle 6, a causa del forte temporale che si e' abbattutto la notte scorsa sul Giglio, impedendo di effettuare le operazioni preparatorie. Quando tutto e' stato pronto per il via, dalla control room, situata sulla chiatta 'Polluce' davanti alla prua della nave, il salvage master Nick Sloane e altri 10 tecnici hanno iniziato, da remoto, il tiraggio dei 36 cavi. Prima lo scafo e' stato disincagliato dalle rocce su cui era appoggiato, poi ha iniziato a ruotare. Alle 19 la nave si era raddrizzata di oltre 13 gradi, come testimoniava la sempre piu' ampia fascia scura della parte fino a oggi immersa e ora visibile. A meta' pomeriggio l'operazione e' stata interrotta per un'ora e 8 tecnici specializzati sono saliti sul relitto per liberare la cosiddetta 'parte morta' di 4 cavi di acciaio, che rischiavano di intrecciarsi con gli altri. ''Abbiamo avuto un ritardo ma lo abbiamo risolto. Invece di dire 'bravi che vi siete premuniti' dite: perche' non avete calcolato anche la sfiga?' E' la logica di questo Paese'', ha detto Franco Gabrielli, capo della Protezione civile, parlando con i giornalisti. ''Andremo avanti ad oltranza per tutta la notte - ha assicurato - occuperemo anche le ore dopo la mezzanotte: le cose procedono come devono ma con tempi piu' dilatati''.

Comunque ''la nave sara' raddrizzata entro l'alba'', ha assicurato Sergio Girotto, responsabile del progetto di rimozione per il consorzio Titan-Micoperi. I tecnici prevedono che tra le 23 e la mezzanotte possa essere raggiunta la 'soglia' dei 22-24 gradi di rotazione.

''Poi - ha spiegato Girotto - terminera' la fase di tiraggio e iniziera' la fase di allagamento dei cassoni''.

Gli undici cassoni posizionati sul lato emerso, infatti, hanno delle valvole che permettono il riempimento progressivo. Mano a mano che si accrescera' il peso della 'zavorra', la nave ruotera' fino a completare la 'corsa' di 65 gradi necessaria per tornare dritta.

Allo stesso tempo i cassoni impediranno allo scafo di rovesciarsi dall'altra parte. ''Questa fase - prosegue Girotto - sara' nelle mani del salvage master Nick Sloane: tecnicamente potrebbe essere molto veloce ma non lo sara' perche' vogliamo che il relitto si appoggi gradatamente sulle piattaforme. Ci vorranno da 1 a 3 ore e dunque la nave sara' raddrizzata entro l'alba''.

ntanto in serata, al Giglio, e' arrivato, per una visita, anche il ministro dell'Ambiente Andrea Orlando. ''Non concentrerei - ha detto - l'attenzione su un'ora in piu' o in meno. E' come un'operazione a cuore aperto, se serve mezz'ora in piu' e' mezz'ora spesa bene''. afe/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari