giovedì 23 febbraio | 04:08
pubblicato il 12/gen/2013 15:07

Costa Concordia: naufrago, quella notte mi sono sentito in trappola

(ASCA) - Isola del Giglio (Gr), 12 gen - ''Quella notte mi sono sentito in trappola. Ancora non riesco a capacitarmi: vedo la nave li' e penso che essere riusciti a salvarsi sia stato un miracolo''.

Lo afferma Marco, che il 13 gennaio dello scorso anno era con la moglie sulla Costa Concordia naufragata all'Isola del Giglio, per festeggiare i 25 anni di matrimonio. ''Sono stato sulla fiancata della nave per due ore - ricorda oggi all'Isola del Giglio, dove e' tornato in occasione dell'anniversario del naufragio -. In quei momenti pensi solo a venirne fuori, non capivamo niente, non sapevamo se la nave sarebbe andata giu'. Ricordo il panico quando la nave ha avuto l'ultimo scrollone e poi, fortunatamente, si e' fermata. Eravamo in corridoio e improvvisamente il pavimento e' diventato una parete''.

Oggi sull'isola, conclude, ''stiamo vagando, siamo disorientati.

Siamo qua anche per ringraziare gli abitanti del Giglio che ci hanno aiutato''.

afe/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech