venerdì 09 dicembre | 14:56
pubblicato il 15/apr/2013 18:09

Costa Concordia, il capitano Schettino lascia Grosseto - VideoDoc

Udienza aggiornata al 17 aprile, il Giglio chiede 80 mln di danni

Costa Concordia, il capitano Schettino lascia Grosseto - VideoDoc

Grosseto (askanews) - La difesa di Francesco Schettino, il comandante della nave Costa Concordia naufragata all'Isola del Giglio il 13 gennaio 2012, ha formalmente chiesto che Costa Crociere non sia ammessa tra le parti civili al processo per il naufragio della Concordia. Da quanto si apprende, a margine dell'udienza preliminare che si svolge a Grosseto, i difensori di altri indagati hanno chiesto l'esclusione invece di Codacons e Ministero dell'Ambiente. Il pubblico ministero ha chiesto la revoca della richiesta di archiviazione per il reato di danno ambientale, contestato, tra gli altri, allo stesso Schettino. Il giudice si è riservato di decidere e l'udienza è stata aggiornata al 17 aprile prossimo. L'Isola del Giglio, intanto, ha chiesto un risarcimento danni per 80 milioni di euro.

Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina