martedì 21 febbraio | 00:23
pubblicato il 15/apr/2013 18:09

Costa Concordia, il capitano Schettino lascia Grosseto - VideoDoc

Udienza aggiornata al 17 aprile, il Giglio chiede 80 mln di danni

Costa Concordia, il capitano Schettino lascia Grosseto - VideoDoc

Grosseto (askanews) - La difesa di Francesco Schettino, il comandante della nave Costa Concordia naufragata all'Isola del Giglio il 13 gennaio 2012, ha formalmente chiesto che Costa Crociere non sia ammessa tra le parti civili al processo per il naufragio della Concordia. Da quanto si apprende, a margine dell'udienza preliminare che si svolge a Grosseto, i difensori di altri indagati hanno chiesto l'esclusione invece di Codacons e Ministero dell'Ambiente. Il pubblico ministero ha chiesto la revoca della richiesta di archiviazione per il reato di danno ambientale, contestato, tra gli altri, allo stesso Schettino. Il giudice si è riservato di decidere e l'udienza è stata aggiornata al 17 aprile prossimo. L'Isola del Giglio, intanto, ha chiesto un risarcimento danni per 80 milioni di euro.

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia