mercoledì 18 gennaio | 07:46
pubblicato il 26/feb/2014 19:53

Costa Concordia: domani Schettino su nave, legali contestano sopralluogo

Costa Concordia: domani Schettino su nave, legali contestano sopralluogo

(ASCA) - Isola del Giglio, 26 feb 2014 - L'ex comandante della Costa Concordia Francesco Schettino tornera' domani a bordo della 'sua' nave naufragata all'Isola del Giglio due anni fa. Schettino, arrivato gia' ieri sera sull'isola, ha infatti ottenuto il via libera del Tribunale di Grosseto a partecipare al sopralluogo che riguardera' gli ascensori e il generatore diesel di emergenza. Sul relitto, divisi in tre gruppi, saliranno circa 30 persone tra Pm, avvocati e consulenti, con l'obiettivo di verificare il corretto funzionamento degli impianti.

Sul sopralluogo, pero', e' polemica, dopo l'apertura, da parte della Procura, di un nuovo fascicolo in cui si ipotizzano i reati di violazione dei sigilli e di frode processuale a carico di Franco Porcellacchia, dirigente di Costa Crociere, gia' custode giudiziario del relitto e responsabile dei lavori di rimozione, e del consulente di parte della Compagnia Camillo Casella. Per il Gip, ''Casella si e' recato nella plancia di comando al ponte 8 e al locale del generatore diesel di emergenza al ponte 11 dove ha testato meccanicamente gli interruttori del quadro elettrico di emergenza, cosi' al contempo immutando artificiosamente lo stato dei luoghi e delle cose, al fine di trarre in inganno i periti del Tribunale nell'esecuzione della perizia''.

''Che ci andiamo a fare domani sulla nave? - si chiede Domenico Pepe, uno dei legali di Schettino -. Da due anni chiediamo che siano fatti questi accertamenti, se il generatore avesse funzionato regolarmente non sarebbe successo nulla: senza generatore non hanno funzionato i timoni, le luci, le porte stagne, le pompe di sentina, gli ascensori, anche le scialuppe. Ma ora cosa verifichiamo, dopo che abbiamo appreso che sono salite a bordo persone non autorizzate?''.

''Se la nuova indagine - afferma l'avvocato Michelina Suriano, legale di parte civile di otto passeggeri - sara' conclusa presto e con prove schiaccianti faremo sicuramente istanza per valutare l'ipotesi di nullita' delle operazioni peritali del 23 gennaio e per capire se abbiamo visto quel che volevano farci vedere. Comunque questa inchiesta deve entrare nel processo, perche' le due cose sono concatenate''.

afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa