sabato 25 febbraio | 22:02
pubblicato il 11/gen/2013 14:09

Costa Concordia: con la rotazione rischio ambiente, piano di prevenzione

Costa Concordia: con la rotazione rischio ambiente, piano di prevenzione

(ASCA) - Firenze, 11 gen - Nel momento in cui la Costa Concordia sara' ruotata e rimessa in asse potrebbero uscire dallo scafo acque contaminate da inquinanti e per questo sono in corso analisi per definire un piano di prevenzione del rischio. E' quanto emerso dalla riunione di oggi dell'Osservatorio sulla rimozione della nave, presieduto da Maria Sargentini.

All'interno del relitto ci sono adesso 230 mila metri cubi di acque inglobate, su cui sono state avviate analisi. ''Le fasi piu' delicate - spiega la Sargentini - sono quelle della rotazione e della messa in galleggiamento, in cui potrebbero verificarsi dei fenomeni di contatto tra il contenuto interno della nave e il resto dell'ambiente''.

Le analisi, spiega Sirio Corezzi del Ministero dell'Ambiente, serviranno a verificare quali sono le ''nicchie di contaminazione''. Queste aree ''saranno, con delle metodologie, depurate in modo tale che almeno quelle nicchie non avranno dei fenomeni di diffusione''. Invece ''le zone che non e' stato possibile individuare all'interno del relitto potranno dar luogo a miscelazioni ma il piano di gestione prevede misure, in corso di rotazione, tali da neutralizzare fuoriuscite che non e' stato possibile identificare''. Comunque, per Corezzi, le ''percentuali dei volumi di contaminazione sono molto basse''.

Tra le possibili soluzioni ci sono lo ''svuotamento'' ma anche interventi chimici per la neutralizzazione degli inquinanti. In particolare, a preoccupare, sono alcune aree. ''Ci sono delle parti che richiedono un maggior grado di attenzione - spiega Giandomenico Ardizzone, del dipartimento di biologia ambientale della Sapienza -: quella del vano motori e quella dove erano contenuti gli alimenti. Bisogna capire come si previene un possibile impatto negativo e come si interviene.

Le analisi serviranno appunto a individuare le aree a maggior concentrazione di sostanze, asportare le acque, trattarle e fare in modo che ci sia una riduzione complessiva del carico inquinante all'interno della nave''.

A fine gennaio si terra' una nuova riunione dell'Osservatorio e in quella occasione sara' esaminato un primo piano. afe/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech