venerdì 02 dicembre | 19:19
pubblicato il 14/gen/2013 12:51

Costa Concordia: Clini, inopportuna intervista a Schettino

(ASCA) - Roma, 14 gen - ''Non e' opportuno mai dare possibilita' di offrire interpretazioni che possano rappresentare delle scusanti a chi ha dimostrato di non essere in grado di assumersi le proprie responsabilita'''.

Cosi' il ministro dell'Ambiente Corrado Clini ospite a ''24 Mattino'' su Radio 24 in merito all'intervista rilasciata dal comandante Francesco Schettino ieri a ''Domenica In'. ''Non entro nel merito delle scelte editoriali - ha detto Clini - pero' vorrei fosse chiara una cosa: la vicenda della Concordia mette in evidenza che la superficialita', la scarsa competenza, non possono essere tollerate, non possono essere neppure lontanamente giustificate. Non e' possibile in un'organizzazione sociale e industriale cosi' integrata e che utilizza tecnologie molto delicate, affidare la responsabilita' a chi non e' in grado di assumerle. Mi riferisco a Schettino, certo''. Il Ministro Clini ha detto che il prossimo autunno termineranno le operazioni di rimozione del relitto: ''La previsione aggiornata e' piu' o meno settembre. Il relitto deve essere portato nel porto piu' vicino e li' deve essere smontato. E' importante anche identificare rapidamente questo porto, che in base alle carte nautiche e' Piombino, perche' quello che dobbiamo evitare e' che una volta finiti i lavori al Giglio non si sappia poi dov'e' che questa nave debba andare. Questo film bisogna evitarlo, percio' sto sollecitando la decisione del porto.

Esistono le possibilita' perche' nei prossimi mesi il porto di Piombino sia attrezzato adeguatamente se si riuscira' a ridurre il pescaggio della nave, ovvero a ridurne il peso. Se il pescaggio dovesse rimanere quello che e' attualmente, a causa del peso sarebbe difficile trovare un porto in Italia che sia pronto ad ospitare la nave''. Il Ministro ha anche parlato dei costi che comporta l'intera operazione di rimozione della Concorda: ''Il costo e' a carico dell'impresa. C'e' anche un contributo pubblico da quantificare: al momento abbiamo messo a disposizione 5 milioni di euro come ministero dell'Ambiente. Sappiamo pero' che questi costi sono le spese dirette. C'e' poi tutto il costo dell'apparato, della infrastruttura, che e' un costo di personale e di interventi, che non e' quantificabile''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari